I paesaggi di La Geria

Paesaggi La Geria

Nel cuore di Lanzarote, a poca distanza dallo spettacolare Parco Nazionale del Timanfaya, si trova La Geria, un’area viticola molto particolare che pare quasi un’opera d’arte. Questa valle, che occupa una superficie di 50 km², è stata classificata zona protetta nel 1994 – l’intera isola di Lanzarote, proprio per la particolarità dei suoi paesaggi da preservare, nel 1993 è stata dichiarata dall’UNESCO Riserva della Biosfera – e vanta uno scenario più unico che raro. Qui, infatti, su un terreno ricoperto da cenere vulcanica sorgono i singolari vigneti di La Geria.

La storia dei vigneti “impossibili” di La Geria

Lanzarote, così come le altre sei isole che costituiscono l’arcipelago delle Canarie, è un’isola vulcanica e la sua storia è inevitabilmente connessa alle violente eruzioni dei secoli passati (le più significative sono state quelle tra il 1730 e il 1736 e quella del 1824). La valle di La Geria, trovandosi ai piedi de las Montañas del Fuego, vale a dire dei vulcani, è stata ricoperta dalla lava che ha così privato la popolazione di quei terreni destinati un tempo all’agricoltura.

Come si suol dire, però, non tutto il male viene per nuocere e gli abitanti dell’isola non si sono lasciati scoraggiare da queste avversità naturali (oltre al terreno vulcanico, bisogna ricordare che le Canarie sono colpite dagli Alisei e dalla siccità), ingegnando una tecnica di coltivazione unica al mondo. Prima con i picconi e poi con la dinamite hanno creato delle buche ampie e profonde 2 o 3 metri – dove il terreno è fertile – in cui hanno piantato le radici della vite. Ciascuna buca è stata ricoperta con uno strato di picón, ossia di lapilli simili a ghiaia nera, che ha la peculiarità di trattenere l’umidità atmosferica, mantenendo così le piante fresche.

Protetta dallo strato lavico, che ovvia il problema della siccità, e da bassi muri semicircolari, che risolvono quello dei venti, anche in un’isola dal terreno arido come Lanzarote, la vite cresce forte e sana. Per questo motivo i vigneti della valle di La Geria sono conosciuti come i “vigneti impossibili” o anche come i “vigneti eroici”.

Cosa vedere a Lanzarote

I vini della valle di La Geria

Crescendo su un terreno così particolare, ricco di minerali, ed essendo esposte alle forti luci del sole per buona parte dell’anno, le viti di Lanzarote producono un’uva di ottima qualità. Non a caso i vini di quest’isola, molti dei quali prodotti con l’uva Malvasia, sono conosciuti e apprezzati in tutto il mondo e hanno anche vinto numerosi premi internazionali. La varietà di vini prodotta è notevole: si possono degustare e acquistare bianchi, rossi, rosati, dolci e frizzanti.

Curiosità:

  • Dal 2015, nella prima settimana di novembre, sull’isola si celebra la Semana Malvasía durante la quale si festeggia la particolare coltura viticola di Lanzarote, unica nel suo genere.
  • Dato il clima, la vendemmia a Lanzarote inizia a luglio. Si tratta di un lavoro manuale e per questo l’uva di Lanzarote viene venduta a un prezzo superiore rispetto a quella di altri Paesi europei.

La strada del vino

Sia che siate intenditori di vino o semplici appassionati, vi suggerisco una visita alle cantine (bodegas in spagnolo) che si trovano nella valle di La Geria. Personalmente vi consiglio la Bodega La Geria, che organizza visite guidate nonché degustazioni e dalla cui terrazza si gode di una vista magnifica sui vigneti impossibili o eroici.

La Geria, Lanzarote

Tra le centinaia di foto che ho scattato durante la vacanza di una settimana a Lanzarote, credo che questa sia quella che meglio rappresenti l’isola: i particolari vigneti di La Geria in primo piano, dove prevalgono il verde delle piante e il nero della terra vulcanica, e il cratere in secondo piano, le cui pendici sembrano ricoperte da sabbia rossa, conferiscono a Lanzarote un aspetto spettacolare, che ricorda quasi un paesaggio extraterrestre. Ed è proprio per la varietà dei suoi panorami che mi sono innamorata di quest’isola delle Canarie.

Cosa vedere a Lanzarote

La prossima settimana continuerò a parlarvi del mio viaggio a Lanzarote, portandovi alla scoperta di altre meraviglie naturali uniche e spettacolari.

Un grande abbraccio,

Valentina

17 thoughts on “I paesaggi di La Geria

  • Maria grazia
    febbraio 25, 2021, 11:10 am

    Stupendo: tutto stupendo, le foto, l’articolo così preciso e seducente, la passione che si legge tra le righe. Bravissima! Io ci andrò!

    • febbraio 25, 2021, 11:34 am

      Grazie mille Grazia, mi fa molto piacere che ti sia piaciuto.

  • febbraio 25, 2021, 7:24 pm

    Quel vino deve avere un sapore eccezionale, Malvasia e terreno vulcanico. Direi un connubio perfetto. E che paesaggi fantastici *.*

    • marzo 5, 2021, 10:33 am

      Ho assaggiato il vino di Lanzarote in una cantina e ora mi pento di non aver acquistato qualche bottiglia. Sarà per la prossima volta 🙂

  • febbraio 25, 2021, 8:07 pm

    Sono rimasta molto colpita dalle struttere costruite intorno alle viti e anche dalla differenza con i nostri vigneti. Le viti così basse le ho riviste a Santorini. Anche li le proteggono dai venti forti.

    • marzo 5, 2021, 10:34 am

      Anche a me hanno colpito molto queste particolari strutture. Non sono mai stata in un’isola greca, ma immagino che anche lì, seppur inferiore, ci sia il problema dei venti.

  • febbraio 26, 2021, 10:36 am

    Che panorama inconsueto e affascinante. Mi hai incuriosito con questo articolo: mi piacerebbe assaggiare questo vino, anche se immagino ne venga prodotta una quantità limitata visto la complessità della coltivazione. Inquietanti e stupendi i paesaggi dell’isola!

    • marzo 5, 2021, 10:36 am

      Sinceramente non so quanto vino venga prodotto all’anno, ma ti posso assicurare che il vino di Lanzarote è veramente di qualità. Ha un sapore molto dolce e ora mi pento di non aver acquistato qualche bottiglia. Sarà sicuramente per la prossima volta 🙂

  • Maria di domizio
    febbraio 26, 2021, 10:43 am

    Fantastico!!! Sembra una zona lunare sulla terra! Complimenti per come descrivi cio’che vedi.Grazie di avermi fatto conoscere cio’che non avrei mai visto.

    • marzo 5, 2021, 10:36 am

      Mi fa piacere Maria di averti incuriosito con questo articolo.
      Grazie per questo tuo commento 🙂

  • marzo 1, 2021, 1:49 pm

    Quanto mi affascinano questi paesaggi selvaggi e vulcanici! Sembrano proprio essere parte di un altro pianeta… E chissà che ottimo gusto hanno i vini che provengono da questi vigneti impossibili ed eroici (adoro queste definizioni!). Mi piacerebbe tantissimo visitare Lanzarote e l’area di La Geria! 🙂

    • marzo 5, 2021, 10:37 am

      Anche a me queste definizioni hanno subito incuriosito.
      Lanzarote vanta dei paesaggi davvero unici e spettacolari!

  • marzo 1, 2021, 4:58 pm

    Mai vista una zona vinicola così particolare come questa a Lanzarote! L’isola deve essere davvero molto particolare ed interessante da visitare. E chissà come saranno buoni anche i vini!

    • marzo 5, 2021, 10:38 am

      Ti consiglio una vacanza a Lanzarote, Fabio. Secondo me l’isola ti piacerebbe molto 🙂

  • marzo 7, 2021, 5:45 pm

    Questi luoghi vulcanici, apparentemente inospitali, di una bellezza inaudita mi attraggono come una vera e propria calamita: amo i vulcani e sicuramente Lanzarote non mi lascerebbe digiuna da questa mia voglia di conoscerli e visitarli! Particolare la storia del vino che qui viene prodotto, deve avere un sapore davvero unico!

  • marzo 8, 2021, 8:46 am

    Sono stata a Lanzarote solo un giorno perchè eravamo a Fuerteventura come base.. ricordo questo paesaggio fantastico e quelle vigne così particolari.. Le hai descritte benissimo! mi piacerebbe tanto tornarci!

  • marzo 8, 2021, 11:06 am

    Anche per me quello de La Geria è stato uno dei paesaggi che più mi hanno colpito di Lanzarote. Proprio per la sua unicità e per quella terra così nera da sembrare impossibile coltivarci qualcosa. E poi perché ammiro sempre l’ingegno che viene dalla passione degli agricoltori!

Lascia un commento