Le Everglades

Come visitare le Everglades

Del viaggio di una settimana on the road in Florida, risalente al gennaio 2015, ricordo con piacere tutto: la vibrante e vivace Miami, l’eccentrica e solare isola di Key West, i due giorni trascorsi nel magico mondo Disney ad Orlando, di cui vi parlerò presto, e soprattutto l’affascinante parco  nazionale delle Everglades.

Le Everglades, come visitarle

Cosa sono le Everglades

Comunemente la vasta area delle Everglades, che copre una superficie di oltre 6000 km² e si trova nella parte meridionale della Florida, viene definita “palude”. In realtà sarebbe più corretto descriverla come una prateria umida, in quanto si tratta di un territorio ricoperto di vegetazione e allagato per la maggior parte dell’anno, ma l’acqua non è stagnante come in una plaude.

Questo esteso territorio, dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO, è l’habitat di una ricca flora e soprattutto fauna. L’Everglades National Park, infatti, viene visitato ogni anno da migliaia di turisti curiosi di vedere i veri protagonisti del parco: gli alligatori e i coccodrilli. Le Everglades sono l’unico luogo del pianeta in cui questi due rettili convivono.

Everglades, alligatori e coccodrilli

Spesso si tende a credere che coccodrilli e alligatori siano sinonimi, ma in realtà si tratta di due rettili ben diversi, le cui differenze possono essere notate anche da un occhio poco esperto. Il muso dell’alligatore, per esempio, è ampio e a forma di U, mentre quello del coccodrillo è più allungato e a forma di V. Inoltre, quando entrambi hanno la bocca chiusa, è possibile vedere i denti sia superiori che inferiori del coccodrillo e solo quelli superiori dell’alligatore, in quanto quest’ultimo ha la mandibola inferiore più stretta rispetto a quella superiore. Un’altra differenza tra questi due animale è la loro dimensione: un coccodrillo adulto può raggiungere una lunghezza di addirittura 6 metri e arrivare a pesare anche una tonnellata; l’alligatore, invece, difficilmente supera i 3 metri e mezzo e i 500 kg di peso. I coccodrilli, poi, possono vivere sia nell’acqua dolce, come gli alligatori, che nell’acqua salata. Ho letto poi che vi è una sostanziale differenza tra questi due animali anche a livello “caratteriale”: il coccodrillo, per esempio, è molto aggressivo per natura, quindi attacca anche se non viene provocato; l’alligatore, invece, è più “pacifico” (se si può utilizzare questo aggettivavo parlando di questi rettili) e attacca solo per difendersi in situazioni di pericolo. In ogni caso, quasi inutile ricordarlo, è bene avvistarli da lontano senza disturbarli.

Everglades, come visitarle

Come visitare le Everglades

  • Trattandosi di una zona molto ampia, il parco nazionale delle Everglades ha tre ingressi principali, quindi ha tre centri visitatori dove dei park rangers (i guardaparco) offrono mappe e informazioni su come visitare l’area. Noi siamo arrivati in macchina – mezzo imprescindibile per raggiungere le Everglades – al Ernest Coe Visitor Center, dove abbiamo comprato il biglietto d’ingresso. Il costo è di 25$ (poco più di 20€) per auto e il biglietto ha una durata di una settimana. Le tariffe per le moto e i pedoni sono inferiori, per cui vi lascio il sito ufficiale del parco, così potete consultare i prezzi e comprare, se volete, i biglietti direttamente online.
  • Le Everglades sono aperte tutti i giorni dell’anno senza eccezioni. Il periodo migliore per visitarle, comunque, è l’inverno, quando le temperature sono miti. I mesi estivi, infatti, sono caratterizzati da calde giornate afose con piogge intense e frequenti. Da maggio ad ottobre, poi, per via dell’estendersi delle fonti d’acqua, si vedono meno animali.

Ernest Coe Visitor Center

Ingresso parco delle Everglades

  • Noi abbiamo visitato le Everglades in giornata e credo che un giorno sia più che sufficiente. All’interno del parco non ci sono hotel o strutture spartane in cui alloggiare, ma solo campeggi, quindi se avete intenzione di trascorrere una notte in questo parco ricordatevi di munirvi di una tenda. All’interno delle Everglades sono stati allestiti vari punti in cui poter fare pic-nic (molti turisti, infatti, si portano il pranzo al sacco). Noi abbiamo pranzato con patatine fritte e hamburger al Flamingo Visitor Center, uno dei tre centri visitatori del parco e forse l’unico punto di ristoro dentro il parco.
  • Ovviamente consiglio un abbigliamento pratico e soprattutto delle scarpe comode. Ricordatevi la crema solare, un repellente per le zanzare e ovviamente la macchina fotografica!

Come visitare le Everglades

  • Questo vasto parco si esplora principalmente in auto e a piedi. Ci sono dei percorsi brevi e facili su passerelle in legno grazie alle quali si entra in stretto contatto con la natura. Vengono proposte anche brevi escursioni a bordo di imbarcazioni ad elica, definite airboats, dal fondo piatto che viaggiano a pelo sull’acqua tra la foresta di mangrovie. Noi abbiamo preferito avvistare coccodrilli e alligatori dall’alto dei ponticelli e vi assicuro che già ammirarli da pochi metri di distanza ha fatto parecchio effetto!

Everglades, come visitarle

Everglades, come visitarle

Everglades, come visitarle

  • Camminare per queste passerelle, ovviamente, non è pericoloso. Prestate però particolare attenzione, soprattutto quando entrate nella fitta foresta di mangrovie, agli animali. Nel parco, infatti, vivono alcune specie di serpenti velenosi, nonché alcune piante urticanti. Evitate, quindi, di toccare arbusti e fiori e di dare da mangiare agli animali. Limitatevi ad ammirare, senza disturbare, questa flora e fauna meravigliosa.

Alligatore alle Everglades

La fauna delle Everglades

All’interno delle Everglades c’è anche un’incredibile varietà di volatili: si contano, infatti, più di 350 specie di uccelli

La fauna delle Everglades

Come visitare le Everglades

Camminando nella selvaggia e tropicale foresta delle Everglades

Everglades, come visitarle

Foresta Everglades

Come visitare le Everglades

Amando molto la natura non potevo che rimanere affascinata da questo immenso parco e ad oggi credo che le Everglades siano uno dei parchi più belli che abbia mai visto. Poter avvistare da vicino animali in libertà e camminare su passerelle in legno immerse nella foresta entrando in stretto  contatto con la flora circostante mi hanno regalato emozioni davvero uniche. Un parco che consiglio, quindi, di visitare assolutamente!

Vi lascio con questa mia foto, una delle ultime scattate nel parco, e vi auguro un buon weekend!

Valentina

Everglades, come visitarle

15 thoughts on “Le Everglades

  • gennaio 18, 2019, 6:22 pm

    Adoro i parchi e le riserve naturali, soprattutto se ospitano una natura un poco più selvaggia! Passare una giornata tra animali e piante è un passatempo che mi concedo una tantum al quale dedicarsi è sempre un piacere!

  • gennaio 19, 2019, 6:46 pm

    Le Everglades sono un luogo che ci affascina già da un po’, anche se per un motivo o per l’altro alla fine non ci siamo ancora andati. Prima o poi speriamo di vedere quest’area, la natura e gli animali sono una delle nostre passioni e sicuramente qui potremmo avere delle soddisfazioni!

  • gennaio 21, 2019, 11:26 am

    Sto sbavando, ci credi? Da amante della wildlife impazzirei a vedere un posto così bello. Poi 350 specie di uccelli… Prendo un aereo! 😀 Che bellina anche la tartaruga 🙂

  • gennaio 22, 2019, 9:20 am

    É una delle parti più belle degli Stati Uniti secondo me, visiterei le Everglades tanto volentieri. Adoro la natura e una cosa del genere non l’ho mai visti ain vita mia, complimenti per il viaggio

  • gennaio 23, 2019, 4:02 am

    e’ stata la parte del viaggio in Florida, assieme alle incantevoli coste dell’ovest, che più mi è piaciuta.. a parte le miliardi di aero-zanzare che ho trovato, ma che avevo già messo in cantiere, come si dice! Sempre belli i tuoi racconti

  • gennaio 23, 2019, 8:59 am

    A proposito di zanzare e di repellente, quante ce n’erano e il repellente è stato utile oppure no? Questo è il mio cruccio quando penso alle Everglades. Io piaccio molto alle zanzare e non so se riuscirei a resistere.

    • gennaio 24, 2019, 8:38 am

      Ciao Giovy, purtroppo le zanzare possono essere un problema!!! Noi abbiamo usato un buon repellente e non siamo stati “mangiati”! Se le dovessi visitare, ricordati lo spray 🙂

  • gennaio 23, 2019, 9:47 am

    Le Everglades sono uno dei posti che mi attirano di più in Florida! L’unico incontro ravvicinato che non vorrei fare è quello con i coccodrilli o gli alligatori! Mi immagino le loro fauci aperte pronte ad accoglierci 😀 In ogni caso però è un luogo davvero unico per la natura e la fauna 🙂

  • gennaio 24, 2019, 8:19 am

    Una zona che sogno da tempo, mi piace immergermi nella natura così selvaggia e incontaminata (zanzare a parte)!

  • gennaio 24, 2019, 9:36 pm

    Devo dire che la natura così selvaggia (e piena di coccodrilli/alligatori/rettili in genere) mi inquieta parecchio. Non so se sarei stata tranquilla durante un viaggio così.

  • gennaio 25, 2019, 9:09 am

    Ci stiamo informando sulle cose da fare in Florida, e questo parco non ci era ancora capitato tra le ricerche. Ottimi consigli, molto esaustivi. Speriamo di riuscire a visitarlo.

  • Sabrina
    febbraio 1, 2019, 9:34 am

    Guardando CSI Miami mi sono domandata come fosse possibile vivere in una zona dove si possono incontrare animali terribili come i coccodrilli o gli alligatori. Rimanendo nella mia più grande ignoranza in tema paludi lo ammetto!

  • luglio 2, 2019, 9:55 am

    Che emozione vedere questi animali nel proprio habitat e non chiusi in uno zoo! purtroppo io ho visitato la Florida in estate (parecchi anni fa) e il clima non mi ha permesso di fermarmi nelle Everglades che abbiamo solo attraversato in auto (avevamo l’uragano Katrina proprio dietro di noi). 🤷🏻‍♀️.

  • luglio 25, 2019, 4:23 pm

    Però, mi incuriosisce il biglietto valido per una settimana! Mi piacerebbe molto visitarle.. in tenda deve esser “elettrizzante”!

  • agosto 7, 2019, 6:11 pm

    A febbraio partiremo per la Florida e ci piacerebbe visitare le Everglades, dal vivo devono essere veramente belle.

Lascia un commento