Due giorni a Málaga

Málaga in due giorni

Scoprendo l’Andalusia: un weekend a Málaga

Málaga è una bellissima città dell’Andalusia a cui sono particolarmente affezionata. Negli ultimi anni, infatti, ci sono stata varie volte sia in vacanza che per motivi di studio e di lavoro. Affacciata sul mar Mediterraneo è considerata una delle più belle città balneari di tutta la Costa del Sol, il litorale spagnolo tanto amato dai turisti europei, se non addirittura una delle città più affascinanti di tutta la Spagna.

La spiaggia di Málaga

Málaga in due giorni, cosa vedere

Oltre ad offrire spiagge dalla sabbia dorata e ristoranti convenienti in cui si degustano le tipiche tapas, Málaga vanta un ricco patrimonio artistico-culturale che sicuramente non lascerà il visitatore indifferente. Fondata molto probabilmente dai fenici intorno al IX secolo a.C, conquistata poi dai greci e in seguito dai romani, la città passò sotto il dominio arabo nel corso dei secoli X e XI d.C. Solo verso la fine del 1400, infatti, i sovrani spagnoli cattolici Isabel de Castilla e Fernando de Aragón si riappropriarono di Málaga. La città, dunque, conserva tutt’oggi la testimonianza del dominio di queste differenti culture. Le attrazioni principali di Málaga, infatti, sono il Teatro Romano, l’Alcazaba (costruita durante il dominio musulmano) e la Cattedrale rinascimentale.

Ho pensato di scrivere questa breve guida di viaggio su Málaga, consigliandovi di trascorrere in questa bella città minimo due giorni, il tempo necessario per scoprirla con calma ed apprezzarla.

La città è ben collegata con l’Italia, infatti quasi tutti i giorni compagnie low cost, quali Ryanair, Easyjet e Vueling, o compagnie di bandiera come Iberia o Alitalia propongono tratte da Milano, Roma e Bologna a prezzi spesso convenienti. Il centro città dista pochi km dall’aeroporto di Málaga e si può raggiungere con il treno locale Cercanías C1, che collega la cittadina di Fuengirola a Málaga. Il biglietto della tratta aeroporto – centro città costa 1,80€ e il tragitto dura poco più di 15 minuti.

Málaga in due giorni: cosa vedere

Vi consiglio di iniziare il tour nel centro città, dove si fondono i tre edifici simbolo di Málaga che rappresentano le tre culture principali: quella romana, quella araba e quella cristiana.

Teatro Romano 

Il Teatro Romano di Málaga, scoperto per caso da dei muratori negli anni ’50, è uno dei pochi siti romani che si possono ancora visitare in Andalusia. Risale al I secolo a.C ed è stato costruito per volere dell’imperatore Augusto. Oggigiorno è possibile visitare l’anfiteatro gratuitamente: dal martedì al sabato dalle 10:00 alle 18:00, mentre di domenica dalle 10:00 alle 16:00. Spesso, nelle calde serate d’estate, l’anfiteatro ospita concerti e spettacoli.

Visitando l’anfiteatro di Málaga sotto la pioggia, Febbraio 2017

Visitare il Teatro Romano di Málaga

L’anfiteatro romano e l’Alcazaba (la fortezza-palazzo musulmana) in secondo piano

Teatro Romano di Málaga

Alcazaba

L’Alcazaba è un’imponente fortezza musulmana (in arabo, infatti, significa fortezza) costruita nel corso dell’XI secolo su una rocca, vale a dire in un punto strategico in modo che si potessero controllare possibili invasioni provenienti sia via terra che via mare. Dall’Alcazaba, infatti, si può ammirare un bellissimo panorama su tutta la città. A differenza della maestosa Alhambra di Granada, per visitare l’Alcazaba di Málaga non è necessario prenotare la visita. É aperta tutti i giorni da Aprile a Ottobre dalle 9:00 alle 20:00 e da Novembre a Marzo dalle 9:00 alle 18:00. L’ingresso costa 3,50€ (gli studenti universitari, i minorenni e gli anziani possono usufruire di uno sconto), mentre la domenica pomeriggio, a partire dalle 14:00, l’ingresso è gratuito.

L’Alcazaba vista dal Paseo del Parque

Alcazaba di Málaga

Cosa vedere a Málaga: l'Alcazaba

All’interno dell’Alcazaba, dove vivevano sovrani e governatori musulmani

Málaga, visitare l'Alcazaba

La Farola ossia il faro visto dall’Alcazaba

Due giorni a Málaga

Alcazaba di Málaga, Andalusia

Dall’Alcazaba si ammira una meravigliosa vista sulla città

Andalusia, perché visitarla

Plaza de toros fotografata dall’Alcazaba

Plaza de toros, Málaga

L’imponente Cattedrale di Málaga fotografata dall’Alcazaba

Alcazaba, Málaga

Due giorni a Málaga

Castillo de Gibralfaro

Per poter ammirare un panorama completo su tutta Málaga, vi consiglio di camminare verso il bel Castillo (castello) de Gibralfaro, che domina la città in posizione strategica. Fu eretto, infatti, per volere dei sovrani musulmani nel corso del XIV secolo come fortezza. Il Castillo è aperto tutti i giorni eccetto il lunedì da Aprile a Ottobre dalle 9:00 alle 20:00, mentre da Novembre a Marzo dalle 9:00 alle 18:00. Il biglietto d’ingresso costa poco più di 2€ (ridotto per bambini, studenti universitari e pensionati), mentre l’ingresso è gratuito tutte le domeniche a partire dalle 14:00.

Vi lascio qualche foto scattata dal Castillo

Weekend a Málaga

Málaga, Castillo de Gibralfaro

Plaza de toros vista dal Castillo de Gibralfaro

due giorni a Málaga

Pedregalejo e El Palo, due quartieri di Málaga, visti dal Castillo de Gibralfaro

Spiaggia di Málaga

Cattedrale

Vi consiglio poi di visitare l’imponente Catedral de la Encarnación che si trova in pieno centro storico. Considerata una delle opere architettoniche più interessanti del rinascimento andaluso, i lavori per la costruzione della Cattedrale iniziarono nel primo ventennio del 1500 e si conclusero più di due secoli dopo. L’ambizioso progetto iniziale fu accantonato a causa dei costi troppo eccessivi, quindi la Cattedrale non fu mai completamente terminata. Oggigiorno, infatti, viene teneramente chiamata La Manquita, vale a dire “piccola monca”, in quanto una delle due torri campanarie non fu mai completata.

Scorcio della Cattedrale

Cattedrale di Málaga

Questa foto scattata da una terrazza di un bar del centro mostra l’unica torre campanaria della Cattedrale.

Weekend a Málaga, cosa visitare

Vi consiglio di entrare in questa meravigliosa Cattedrale, dove sicuramente vi stupirete davanti a tanta bellezza. Si può visitare tutti i giorni eccetto la domenica e i giorni festivi dalle 10:00 alle 18:00. Il prezzo del biglietto intero è 5€, ridotto 2€.

Weekend a Málaga, cosa vedere

Cattedrale di Málaga, Andalusia

Centro storico

Il centro di Málaga non è grandissimo, quindi vi consiglio di esplorarlo a piedi, perdendovi per i tanti e stretti vicoli. Soffermati a guardare le belle abitazioni basse dai colori pastello, le cui finestre spesso sono abbellite con vasi di fiori e scoprite i tanti negozi di souvenir e spezie sparsi per tutto il centro. Passeggiando per le vie di Málaga sembra quasi di evadere dalla Spagna e di ritrovarsi come per magia catapultati in un piccolo bazar marocchino.

Case di Málaga, Andalusia

Cosa fare a Málaga

Nel centro storico si trovano anche il Museo Picasso e la Casa Natal de Picasso. Non bisogna dimenticare, infatti, che Málaga ha dato i natali a questo grande artista rivoluzionario. Nacque, infatti, in una casa in Plaza de la Merced, una delle più conosciute di tutta la città, nell’autunno del 1881. Ho visitato entrambi nel 2014 e sinceramente non mi sento molto di consigliarli, nonostante la fedele Lonely Planet inserisca questi due luoghi nelle principali attrazioni di Málaga. Le opere più celebri di Picasso, purtroppo, non si trovano in questo museo a lui dedicato: l’imponente quadro Guernica, infatti, è custodito all’interno del Reina Sofía di Madrid, mentre Les demoiselles d’Avignon è esposto al MOMA di New York. Vi lascio comunque i link del Museo Picasso e della Casa Natal de Picasso così potete consultare orari e tariffe.

Cosa vedere a Málaga

Muelle Uno

Se il primo giorno lo dedicate a visitare il centro storico, vi consiglio di trascorrere il secondo giorno in spiaggia, sperando che il meteo lo permetta. Molto bella è la vivace zona del porto, chiamata Muelle Uno, dove si trovano numerosi ristoranti, caffetterie, gelaterie, negozi di abbigliamento e bancarelle che propongono street food. Nella zona portuale si trova anche la grande Noria, ossia la ruota panoramica (non ci sono mai salita, quindi non so se consigliarvela, ma vi garantisco che un ottimo panorama su tutta la città si ammira già dall’Alcazaba e dal Castillo de Gibralfaro).

Málaga in due giorni

Muelle 1, Málaga

Al Muelle Uno si trova anche il Centre Pompidou, un museo dedicato all’arte contemporanea che sicuramente stupirà il visitatore

Centre Pompidou, Málaga

Pedregalejo El Palo

Dal Muelle Uno vi consiglio poi di passeggiare lungo la promenade che porta fino a Pedregalejo e a El Palo. Si tratta di due quartieri balneari molto caratteristici distanti un paio di km dal centro di Málaga dove la vita scorre tranquilla e spensierata. Abitati prevalentemente da pescatori, offrono spiagge ideali per le famiglie e ristoranti economici che offrono pesce fresco.

Pedregalejo, Málaga

Málaga, cosa vedere in due giorni

Sulle spiagge di Pedregalejo e di El Palo troverete spesso queste “casine”: sono tipiche di Málaga e qui i ristoratori sono soliti cuocere spiedini di pesce. Espeto, ossia uno spiedino di sardine, è il tipico piatto della cucina malagueña

Pedregalejo, Málaga

Dove mangiare a Málaga

Spiaggia del Pedregalejo al tramonto

Málaga, quando andare

Dove dormire a Málaga

Málaga offre varie sistemazioni: dagli ostelli agli hotel di lusso. Vi consiglio di alloggiare in centro così sarete più comodi e potrete girare a piedi senza dover prendere mezzi pubblici o taxi. Quando sono stata a Málaga con mia mamma nell’inverno del 2017 ho alloggiato presso l’hotel Ilunion, una bella struttura moderna poco distante dalla Cattedrale. La primavera scorsa, invece, ho trascorso una notte nel curato ostello del centro Alcazaba Premium Hostel, che, come suggerisce il nome, si trova di fianco all’Alcazaba, quindi in pieno centro storico.

Vi sono buone strutture anche lungo la spiaggia dei quartieri di El Palo e del Pedregalejo. Un hotel molto carino è La Chancla: la struttura, però, offre solamente un paio di stanze, per cui vi consiglio di prenotare per tempo.

Nella piscina dell’hotel Ilunion

Dove dormire a Málaga

Dove mangiare a Málaga

La maggior parte dei ristoranti di Málaga propone a prezzi convenienti piatti di buona qualità. In pieno centro storico vi segnalo il famosissimo El Pimpi, uno dei locali più apprezzati di tutta la città. Pensate che uno dei proprietari di questo ristorante è il celebre attore Antonio Banderas, nato a Málaga nel ’60. Qui troverete la tipica cucina spagnola: dai piatti di pesce a quelli a base di carne (ogni volta che vado a Málaga mi concedo una cena in questo bellissimo ristorante e spesso ordino rabo de toro, vale a dire la coda del toro, un piatto squisito che consiglio vivamente).

El Pimpi, Málaga

Il rabo de toro

Dove mangiare a Málaga

Dessert a El Pimpi

Dove mangiare a Málaga

Quando andare a Málaga

Málaga, trovandosi a poca distanza dalle coste africane, è caratterizzata da inverni miti e estati calde, ma non troppo afose essendo la città affacciata sul mar Mediterraneo. Le temperature invernali, infatti, oscillano sui 10-15°C, mentre quelle estive sui 25-30°C. La città, dunque, può essere visitata in qualsiasi stagione dell’anno. A mio avviso, comunque, i mesi ideali sono quelli primaverili e quelli autunnali.

Calle Larios, la strada principale del centro, decorata per il carnevale, Febbraio 2017

Carnevale di Málaga

Primavera a Málaga, uno dei periodi migliori per visitare la città

Quando andare a Málaga

Nelle prossime settimane pubblicherò altri posts sull’Andalusia, intanto vi auguro una buona domenica!!

Con affetto,

Valentina

25 thoughts on “Due giorni a Málaga

  • dicembre 10, 2018, 5:22 am

    Ho tanto sentito parlare di malaga, pur non avendola mai visitata. Ora sono sempre più curiosa… mi sembra un luogo allegro e pieno di vita.

    • dicembre 13, 2018, 4:29 pm

      Per me è davvero una bella città 🙂 La consiglio vivamente in qualsiasi stagione dell’anno, soprattutto in primavera o in autunno!

  • dicembre 10, 2018, 3:08 pm

    Malaga mi ispira un sacco ma
    Non ci sono mai stata ! La costa del sol l’ho visitata invece ed e davvero bella 🙂

    • dicembre 13, 2018, 4:29 pm

      Ti consiglio di andarci allora! Vedrai che non ne rimarrai delusa 🙂

  • dicembre 11, 2018, 8:44 am

    sono stata a Malaga qualche anno fa e ti dirò… non mi ha ispirato tantissimo. Non so, secondo me c’è di meglio, ma la feria che si tiene ad agosto è bellissima! un sacco di gente e tanto divertimento! quella mi è piaciuta molto!

    • dicembre 13, 2018, 4:32 pm

      Molti apprezzano Málaga per le sue spiagge… a me piace per lo stile di vita (ci ho vissuto un paio di mesi quindi sono riuscita a scoprirla in lungo e in largo). Sicuramente ci sono altre città dell’Andalusia o di tutta la Spagna più interessanti, ma Málaga, essendo affacciata sul mare e godendo di un clima mite quasi tutto l’anno, attira sicuramente molti turisti!

  • Ale Carini
    dicembre 11, 2018, 9:47 am

    Non sono mai stata a Malaga e non immaginavo potesse essere una meta anche per festeggiare il carnevale! Mi sono letteralmente innamorata delle tue foto! Bellissimi paesaggi mari, stupende vie della città, cultura, architettura, edifici splendidi e panorami dall’alto che mozzano il fiato!
    Quanta bellezza in questà città!

    • dicembre 13, 2018, 4:33 pm

      Grazie mille Ale, Málaga merita sicuramente una visita! Ti consiglio di tenerla in considerazione per un tuo prossimo viaggio 🙂

  • dicembre 11, 2018, 9:48 am

    Non sono mai stata a Malaga!!! E non immaginavo che potesse essere una meta anche per il carnevale…
    Le tue foto mi hanno letteralmente rapita! Splenidi panorami marini, street art, cattedrali, cultura, bellissimi palazzi ed edifici da visitare e panorami dallìalto che mozzano il viato.
    Spendide le spiagge ed i dettagli che hai fotografato! Splendida davvero

  • Stefanija
    dicembre 11, 2018, 10:49 am

    Spero di visitare presto questa bellissima città, come il resto delle città andaluse! Grazie mille per i consigli che ci hai lasciato. Li trovo molto utili!

    Buona giornata 😘

    • dicembre 13, 2018, 4:34 pm

      Grazie mille Stefanija 🙂 Speriamo un giorno di visitare queste terre insieme 🙂

  • dicembre 11, 2018, 5:08 pm

    Più leggo di Spagna, più mi rendo conto che anche città che magari di primo acchito non sembrano nulla di speciale riservano invece delle sorprese. Come Malaga, che ora conosco un po’ di più grazie al tuo bel post.

    • dicembre 13, 2018, 4:37 pm

      Grazie Virginia, molte città possono sembrare “banali”, ma vanno conosciute, esplorate ed apprezzate 🙂

  • dicembre 11, 2018, 7:48 pm

    Valentina tu non hai idea di cosa abbia significato leggere questa tua miniguida! Io adoro Malaga, la adoro nel vero senso della parola. Pedregalejo è la mia zona preferita e quando ho visto la foto del gadzebo del Lirio sulla spiaggia, dove fanno gli spiedini in mezzo la mare, mi sono illuminata ancora di più! Se ritorni da quelle parti non perderti Pez Tomillo, le tapas più buone che io abbia mai mangiato!

    • dicembre 13, 2018, 4:39 pm

      Sono contenta Simona che anche a te sia tanto piaciuta Málaga. Conosco bene Pez Tomillo… ci sono andata una domenica di aprile a pranzo con un chico español 😉

  • dicembre 14, 2018, 10:55 am

    Sono in casa con tre maglioni, le calze di lana e il riscaldamento a palla ma vorrei essere a Malaga in questo momento. Sto sognando con il tuo racconto, le tue foto che mi è venuta voglia di partire subito.

    • dicembre 16, 2018, 9:21 pm

      Grazie Sabrina, riguardando le foto di posti caldi viaggio anche io con la fantasia e sogno mete esotiche!

  • dicembre 14, 2018, 9:23 pm

    Complimenti per il tuo articolo pieno zeppo di informazioni interessanti, utili consigli e foto spettacolari! Fai venire voglia di prendere e partire subito!

  • dicembre 19, 2018, 5:12 am

    Molto curato e pieno di informazioni questo post, veramente utile per chi vuole visitare Malaga. Attraverso le foto e il racconto è come essere li.. complimenti Valentina

  • gennaio 9, 2019, 9:00 am

    Malaga in due giorni? Mi piace! Salvo il post per un viaggio futuro, preziosissimo.

    • gennaio 11, 2019, 2:01 pm

      Brava, Málaga è molto carina e si visita tranquillamente a piedi in poco tempo 🙂

  • agosto 2, 2019, 7:49 am

    Bellissime foto!
    Amo le città così pregne di storia, che hanno visto avvicendarsi popoli e culture diverse quindi Malaga e altre città spagnole mi incuriosiscono molto! Non ci sono mai stata e spero di andare, anzi, sarebbe bello fare un giro dell’Andalusia come hai fatto tu..vado a leggermi il post successivo sull’argomento 😉

    • agosto 2, 2019, 7:56 am

      Grazie cara Ilaria. Io ho un debole per l’Andalusia, quindi forse sarò di parte, ma credimi che si tratta di una regione molto ricca di storia che traspare visitando ogni città o borgo. Ti consiglio assolutamente un viaggio nel sud della Spagna. Non te ne pentirai (solo, se puoi, evita l’estate… fa davvero troppo caldo!!)

      Un abbraccio

Lascia un commento