Nerja

L’Andalusia che non ti aspetti: alla scoperta di Nerja

L’Andalusia è una terra meravigliosa! La conosco abbastanza bene visto che ho vissuto per alcuni mesi sia a Córdoba che a Málaga e per motivi di studio sono stata spesso a Sevilla (Siviglia in italiano). Durante il mio ultimo soggiorno in Spagna, ho deciso di trascorrere il ponte del primo maggio a Málaga per poter visitare in giornata due località di cui avevo tanto sentito parlare, ma che non avevo avuto ancora modo di visitare: Nerja e Frigiliana.

In realtà ero stata a Nerja tanti anni fa con la mia famiglia: Málaga, infatti, era una delle tappe di una crociera che stavamo facendo nella parte ovest del Mediterraneo. Sbarcati a Málaga, abbiamo partecipato a un’escursione organizzata e siamo andati a visitare Nerja e le sue grotte. Per quel poco che ricordo, ve le consiglio, soprattutto se visitate questa località in piena estate e volete rifugiarvi per qualche ora in un posto fresco. Una curiosità su queste grotte: sono state scoperte per caso da tre ragazzi alla fine degli anni ’50 mentre stavano inseguendo dei pipistrelli. All’interno della grotta, un grande complesso in cui vi sono anche pitture risalenti al paleolitico, si trova la stalattite più lunga d’Europa: misura ben 63 m. Vi lascio il link del sito così potete avere maggiori informazioni: http://www.cuevadenerja.es

Nel post di oggi vi parlo di Nerja, una località costiera distante poco più di 60 km da Málaga. Nell’articolo che pubblicherò nei prossimi giorni, invece, vi farò scoprire Frigiliana, il famoso paese bianco, distante solo pochi minuti di autobus da Nerja.

Nerja è considerata ormai la Perla della Costa del Sol: una cittadina costiera che offre al turista non solo spiagge di sabbia e di roccia, ma anche numerosi percorsi di trekking in mezzo alla natura. Questa località balneare, infatti, è riparata da morbide montagne. Una meta perfetta per chi è alla ricerca di relax in spiaggia e di camminate fra i boschi.

Sono partita al mattino da Málaga con l’autobus della compagnia Alsa e sono arrivata a Nerja dopo un’ora di viaggio (il costo del biglietto è 8€ andata e ritorno). La mia intenzione era quella di rilassarmi in spiaggia, cercando di abbronzarmi un po’. Purtroppo il meteo non è stato dalla mia parte, infatti, nonostante ci fosse un timido sole, tirava parecchio vento e le temperature oscillavano tra i 18° e i 20°. Durante questa primavera, il tempo in Spagna è stato abbastanza bizzarro: è davvero strano, infatti, che in Andalusia tra aprile e maggio le temperature siano così “basse”. Ho rinunciato, quindi, al total relax su una sdraio e ho optato per girovagare tra le vie del centro piene di negozi di souvenirs.

Nerja è una piccola cittadina – considerate che conta poco più di 15.000 abitanti – che vive principalmente di turismo. Le sue spiagge e le vie del centro si affollano di turisti, soprattutto provenienti dal nord Europa, nei mesi estivi. Oltre alle grotte e al centro storico, molto curato, un’altra “attrazione” che offre questa località è il famoso Balcón de Europa. Si tratta di una lunga e larga terrazza che permette di godere di un panorama stupendo sia sul mare che sulla cittadina, incorniciata dalle montagne della Sierra de Tejeda.

Il Balcón de Europa fotografato dalla costa

Anticamente questo balcone, proprio per la sua posizione strategica affacciata sul mare, veniva utilizzato come torre di avvistamento per controllare gli attacchi dei nemici provenienti dal nord Africa. Oggi, invece, è considerato uno dei punti panoramici più belli di tutta l’Andalusia e forse di tutta la Spagna.

Alcune foto scattate dal Balcón de Europa

Curioso è il nome Balcón de Europa: è stato il re spagnolo Alfonso XII che nel gennaio del 1885, visitando la cittadina di Nerja, ha deciso di dare questo nome al mirador. Ecco perché alla punta di questo splendido belvedere affacciato sul Mediterraneo si trova una statua del sovrano.

Ho continuato a passeggiare lungo la promenade, scoprendo piccole spiagge e scorci da immortalare, finché non sono arrivata a Playa Burriana, una vasta spiaggia di sabbia non tanto chiara lunga quasi 1 km. Di per sé la spiaggia non è bellissima, ma proprio per la sua vastità è molto frequentata sia dai locali che dai turisti. Vi sono poi tanti bar e ristoranti che ogni giorno propongono pesce fresco, tapas e bevande rinfrescanti.

Playa Burriana

Tra le basse montagne di Nerja e Playa Burriana si trova questo caratteristico gruppo di case bianche e rosa molto carino. Mi sembrava di passeggiare nel quartiere di Barbie 🙂

Ritornata nel centro di Nerja, ho preso il bus per Frigiliana, ma vi parlerò di questo piccolo borgo in collina nel prossimo post. Intanto mi auguro che stiate passando delle belle vacanze!!!

Un abbraccio,

Valentina

4 thoughts on “Nerja

  • Des.hilar
    agosto 22, 2018, 8:41 am

    Eccolo qui il post tanto atteso! meravigliosa descrizione di Nerja accompagnata da splendide foto.
    Sicuramente nel prossimo viaggio includerò anche questa tappa. Ora non aspetto altro che Frigiliana 😉

    • valentina grossi
      agosto 22, 2018, 12:16 pm

      Grazie Ila, sono contenta che il post ti sia piaciuto 🙂 Dopodomani sarà online quello su Frigiliana 🙂 Due località che meritano sicuramente una visita 🙂

  • Angela Borrata
    agosto 22, 2018, 7:11 pm

    Valeeee bellissimo il post e le foto… Ho avuto la fortuna di sentirti parlare dal vivo di questa città. Leggendo questo pos mi é venuta ancora più voglia di visitarlo. Un forte abbraccio :*

    • valentina grossi
      agosto 24, 2018, 7:15 am

      Grazie Angela 🙂 Sì, è una cittadina molto bella che devi assolutamente visitare 🙂 Un abbraccio

Lascia un commento