Come organizzare una vacanza a Lanzarote

Come organizzare una vacanza a Lanzarote

Consigli utili per organizzare una vacanza a Lanzarote

Da tempo sognavo di scoprire Lanzarote, una delle sette isole che formano l’arcipelago spagnolo delle Canarie, e finalmente a fine gennaio di quest’anno – ormai è passato più di un mese e neanche mi sembra vero – sono partita per questa meravigliosa isola dell’Oceano Atlantico, distante solo poco più di 100 km dalle coste del Marocco.

Come organizzare una vacanza a Lanzarote

Organizzare una vacanza a Lanzarote non è per niente complicato e seguendo questi pochi, ma utili consigli riuscirete a pianificare un soggiorno indimenticabile su quest’isola che offre davvero molto: spiagge dalla sabbia nera e dorata, parchi naturali, vulcani, musei, paesi caratteristici e molto altro! Date un’occhiata a questo post che ho scritto qualche settimana fa per scoprire alcune immagini di Lanzarote e lasciarvi incantare dai magnifici paesaggi di quest’isola: Lanzarote e i suoi colori.

Quando andare a Lanzarote

Normalmente, quando inizio ad organizzare un viaggio, una delle prime informazioni che cerco in internet è il periodo migliore per visitare il Paese scelto. Le Canarie godono di un clima principalmente mite 365 giorni l’anno, per cui tutte e sette le isole che costituiscono questo arcipelago possono essere visitate in qualsiasi stagione. Dicono che il periodo più indicato per visitare Lanzarote – e le Canarie in generale – sia l’autunno, in particolare modo il mese di novembre, quando l’acqua dell’oceano è ancora abbastanza calda e le temperature si aggirano sui 25-30 °C. Io sono stata a Lanzarote a cavallo tra gennaio e febbraio, ossia nel periodo “più freddo”. Le temperature oscillavano tra i 14 e i 20 °C, ma per me non amante del caldo e dei bagni al mare è stato un clima più che perfetto. L’unico problema è il vento, perennemente presente sull’isola.

Vacanza a Lanzarote

Di una settimana a Lanzarote ha piovuto solo due giorni per pochi minuti. Purtroppo, però, non ho trovato sempre giornate di sole, infatti il cielo è stato principalmente nuvoloso. Parlando con alcuni locali “ho scoperto” che sono stata comunque fortunata: nel gennaio del 2018, infatti, le massime non superavano i 10 °C.

Cosa mettere in valigia

In qualsiasi stagione visitiate Lanzarote, non dimenticatevi di portare il costume da bagno. Nonostante le giornate grigie e fresche, gli ultimi giorni sull’isola sono stati soleggiati e quindi mi sono dedicata al relax sia in spiaggia che nella piscina del residence. Se visitate l’isola nel periodo invernale e primaverile, ricordatevi di portare una giacca a vento e un foulard… il vento spesso è quasi insopportabile e occorre ripararsi bene!

Sapete quanto ami i vestiti eleganti e i tacchi alti, ma ovviamente per questa vacanza a Lanzarote non ho portato con me né outfit da sera né sandali gioiello. Mi sono limitata, infatti, a portare solo qualche capo carino per la sera, ma il più delle volte ho optato per andare al ristorante in tenuta molto sportiva: tuta e all star, o spesso flip flops. Lo stile di vita dell’isola, infatti, è molto tranquillo. Vi consiglio, dunque, di portare solo capi pratici e scarpe comode.

Come organizzare una vacanza a Lanzarote

I voli per Lanzarote

Lanzarote è ben collegata con l’Italia. Ogni giorno dall’aeroporto di Milano Malpensa parte un volo della compagnia low-cost EasyJet diretto ad Arrecife, la capitale dell’isola. Anche dall’aeroporto di Bologna partono con una certa frequenza voli Ryanair, ma i prezzi non sono sempre molto vantaggiosi. La compagnia aerea Iberia collega i principali aeroporti italiani con Lanzarote, ma il viaggio prevede quasi sempre uno scalo (o a Barcellona o a Madrid).

Ho iniziato ad organizzare questa vacanza a Lanzarote a fine novembre dell’anno scorso, prenotando subito i biglietti aerei. Quasi sempre utilizzo il sito Skyscanner, che confronta i prezzi di varie compagnie aeree proponendo spesso offerte molto convenienti, e anche questa volta mi sono affidata a questo motore di ricerca. Ho trovato un’ottima offerta per fine gennaio e quindi senza pensarci due volte ho prenotato il volo di andata (martedì 29 gennaio) e di ritorno (martedì 5 febbraio) al modico prezzo di 40€. Sono partita da Milano Malpensa e ho volato per la prima volta con EasyJet, che ho apprezzato molto per essere una compagnia low-cost.

Volando sulla Lombardia

Easyjet Lanzarote

Ho trovato questo biglietto a un prezzo così “stracciato” perché ho viaggiato in bassa stagione. Ho dato un’occhiata per curiosità ai prezzi dei voli per Arrecife nella settimana di Pasqua e ovviamente i prezzi sono molto alti: quasi 500€ andata e ritorno. Purtroppo viaggiando in alta stagione, vale a dire durante le vacanze natalizie e pasquali e nei mesi di luglio e agosto, i prezzi lievitano notevolmente. Se potete andare in ferie solo in questi periodi, vi consiglio di prenotare per tempo la vostra vacanza (voli e alloggi in primis) oppure di mantenere sotto controllo le offerte che spesso alcune compagnie low cost lanciano durante i giorni feriali.

Dove alloggiare a Lanzarote

Normalmente opto per la sistemazione in hotel, ma per questa vacanza ho deciso per l’appartamento e la scelta si è rivelata più che azzeccata. Prima di prenotare l’alloggio, mi sono informata sull’isola, scoprendo che Lanzarote vanta bellissime spiagge molto differenti fra loro ed interessanti attrazioni turistiche sia a nord che a sud. Ho scelto di alloggiare a sud, precisamente nella località turistica di Playa Blanca, per una questione di clima. La parte meridionale dell’isola, infatti, è considerata la più calda e quindi la zona più riparata dai venti. Un’altra zona molto gettonata è la costa orientale dell’isola, precisamente Puerto del Carmen e Costa Teguise, dove si trovano molti locali, ma il rischio è di trovare strutture e ristorante troppo turistici e poco genuini.

Mappa dell’isola di Lanzarote presa dal web

Come organizzare una vacanza a Lanzarote

Ho trovato varie sistemazioni su Booking – un altro motore di ricerca che utilizzo spesso – e alla fine ho optato per Casas Nimbara, un residence molto tranquillo di appartamenti spaziosi e puliti su due piani. Ogni appartamento ha il proprio posto auto, il proprio balcone e un piccolo giardino con un’amaca. A disposizione degli ospiti del residence c’è anche una piscina… peccato che l’acqua fosse molto fredda e quindi neanche ho provato a fare un tuffo!

Vacanza a Lanzarote Casas Nimbara

Casas Nimbara, Lanzarote

Al primo piano ci sono una cucina ben attrezzata (buone pentole, moka, microonde e tostapane), una sala con televisione, un bagno e una camera con due letti singoli. Al piano superiore, invece, ci sono una camera con un letto alla francese, un bagno e due balconi. La struttura offre anche asciugamani, asciugacapelli e ventilatori, che non sono serviti, ma immagino che siano molto utili in estate.

Noleggiare un’auto a Lanzarote

Trattandosi di un’isola di non piccole dimensioni, credo che l’auto sia fondamentale. Io ho noleggiato una Peugeot per tutta la durata della vacanza prenotandola in internet qualche settimana prima della partenza. Mi sono affidata alla compagnia Sixt, che mi ha lasciato alquanto perplessa, infatti non mi sento di consigliarla. Nonostante avessi già pagato l’auto (80€ per 7 giorni) e la kasco (35€ al giorno), hanno preteso un deposito di 300€. In più mi avevano detto che avrei potuto ritirare e consegnare l’auto direttamente in aeroporto, invece la sede si trova lontana alcuni km. Appena arrivata, infatti, ho impiegato più di mezz’ora per trovare questa compagnia: ho chiesto sia al personale dell’aeroporto che ad alcuni dipendenti di altre compagnie car rental, ma sembrava che nessuno avesse mai sentito parlare della Sixt. Alla fine mi è stato consigliato di seguire la línea amarilla (linea gialla) pitturata sulla strada che dall’aeroporto porta alla stazione degli autobus. Da lì ho chiesto poi ad alcuni autisti e alla fine ho trovato la navetta della compagnia Sixt che porta i clienti al negozio, distante 10 minuti di macchina.

Noleggiare l'auto a Lanzarote

Le strade principali sono ben asfaltate (sembrava quasi un’utopia guidare su strade prive di buche), ma molte alcune strade secondarie sono sterrate. Vi consiglio, quindi, di includere nell’assicurazione i danni alle ruote e ai vetri. Per quanto riguarda il navigatore, invece, io l’avevo incluso nel prezzo, ma l’ho usato pochissimo. Perdersi per Lanzarote è quasi impossibile dal momento che le strade principali sono poche e i cartelli delle indicazioni ben chiari. Poi avendo internet sempre a disposizione per qualsiasi dubbio consultavo Google Maps.

Visitare Lanzarote senza auto è possibile, ma ovviamente vi limita molto. Ci sono gli autobus, ma  non raggiungono ogni località dell’isola, così come ci sono i taxi, ma non so fino a che punto possano essere convenienti e pratici. Un altro mezzo potrebbe essere la bicicletta, ma tenete in mente che le distanze non sono così corte come sembrano: per raggiungere il nord dell’isola da Playa Blanca, la località più meridionale di Lanzarote, occorre quasi un’ora di macchina.

Quanti giorni stare a Lanzarote

Il numero di giorni è sempre molto relativo. Io consiglio minimo una settimana. In sette giorni, infatti, sono riuscita non solo a scoprire tutta l’isola da nord a sud – Lanzarote offre davvero molto – ma anche a rilassarmi l’ultimo giorno in spiaggia.

Vacanza a Lanzarote

Cosa vedere e fare a Lanzarote

Quando inizio ad organizzare un viaggio, mi procuro sempre una mappa del posto che visiterò e segno tutti i luoghi e le attrazioni che mi piacerebbe scoprire, tracciando a grandi linee un itinerario. Qualche giorno prima della partenza per Lanzarote, quindi, mi sono munita di carta, penna e di una buona mappa e ho iniziato a cercare sul web tutte le informazioni utili su quest’isola. Ho preso appunti di tutto e ho “disegnato” un possibile itinerario che alla fine si è rivelato quasi perfetto.

Mappa Lanzarote - cosa fare

Nelle prossime settimane troverete qui sul blog dei posts dettagliati su tutto ciò che vi consiglio di visitare a Lanzarote, intanto vi lascio lo schema dell’itinerario di una settimana:

  • Giorno 1, martedì 29 gennaio: partenza da Milano Malpensa alle 11:00 e arrivo all’aeroporto di Arrecife, capitale di Lanzarote, nel primo pomeriggio (il volo dura quattro ore). Ritiro dell’auto e arrivo all’appartamento a Playa Blanca nel tardo pomeriggio.
  • Giorno 2, mercoledì 30 gennaio: Monumento Natural de los Ajaches, dove si trova la famosa Playa Papagayo (sud dell’isola), e Puerto del Carmen, una località balneare e molto turistica sulla costa sud-orientale.
  • Giorno 3, giovedì 31 gennaio: Salinas de Janubio, Los Hervideros, El Golfo (zona sud-occidentale dell’isola), Yaiza e La Geria (centro-sud dell’isola).
  • Giorno 4, venerdì 1 febbraio: Parque Nacional del Timanfaya – l’attrazione principale di Lanzarote – e Montaña de los Cuervos (centro-ovest dell’isola).
  • Giorno 5, sabato 2 febbraio: Jardín de Cactus, Jameos del Agua, Cueva de los VerdesTeguise e Playa de Famara (nord dell’isola).
  • Giorno 6, domenica 3 febbraio: mercato di Teguise (tutte le domeniche dalle 9:00 alle 14:00), Mirador del Río (nord dell’isola) e Fundación César Manrique, vicino Arrecife.
  • Giorno 7, lunedì 4 febbraio: relax in spiaggia e in piscina a Playa Blanca.
  • Giorno 8, martedì 5 febbraio: rientro in Italia.

In una delle sei spiagge del Monumento Natural de los Ajaches

Cosa fare a Lanzarote Playa Blanca

Lanzarote per tutti?!

Più di una volta mi è stato chiesto se Lanzarote vale la pena e se è adatta a qualsiasi tipo di viaggiatore o turista. Sicuramente l’isola è semplicemente meravigliosa e a mio avviso merita di essere visitata ed esplorata. Ovviamente non aspettatevi un’isola chic come potrebbe essere Formentera o un’isola le cui spiagge ricordano quelle caraibiche. A Lanzarote non troverete nulla di tutto ciò. Le attrazioni principali, infatti, sono i suoi bellissimi parchi naturali – il Parco Nazionale del Timanfaya per esempio è uno dei luoghi più visitati di tutta l’isola – le meravigliose costruzioni architettoniche di César Manrique, che si trovano soprattutto a nord, e le sue spiagge libere, molte delle quali caratterizzate da sabbia nera.

Fundación César Manrique

Cosa fare a Lanzarote

Le basse case bianche con le imposte verdi sono le tipiche abitazioni di Lanzarote

Cosa fare a Lanzarote

Playa Papagayo, sud dell’isola

Come organizzare una vacanza a Lanzarote

Spiaggia dalla sabbia nera nella zona de El Golfo (sud-ovest dell’isola)

Consiglio una vacanza a Lanzarote, dunque, soprattutto a coloro che amano la natura. A quei viaggiatori che non sono alla ricerca del bel mare e delle località trendy, ma di escursioni per i parchi e di paesaggi naturali affascinanti. Per quanto riguarda i giovani viaggiatori, non mi sento di consigliare Lanzarote come meta per un possibile viaggio di maturità se il principale obiettivo, giustamente, è quello di divertirsi. Delle sette isole delle Canarie, forse la più indicata per questo tipo di vacanza è Tenerife, dove si trovare tanti locali e discoteche. Per le famiglie, invece, Lanzarote potrebbe essere una buona scelta, ma ho notato che le attrazioni per i piccoli turisti sono davvero poche. A Tenerife, per esempio, ci sono parchi acquatici e molti hotel e villaggi con un’animazione divertente pensata proprio per le famiglie. A Lanzarote, invece, le strutture con l’animazione non sono così tante. Lanzarote, quindi, è molto apprezzata soprattutto dai pensionati, che sono soliti svernare in quest’isola delle Canarie, rilassandosi facendo piacevoli camminate in riva all’oceano. Io personalmente, avendo un debole per la natura e per le località non troppo caotiche, non ho potuta che apprezzarla e conto di tornarci presto, casomai in autunno, per trovare un clima un po’ più caldo.

Lanzarote è una meta low-cost

Escludendo i prezzi dei voli e degli alloggi che cambiano notevolmente in base al periodo, il costo della vita a Lanzarote è molto economico. Spesso andavo al ristorante e per un ricco piatto di carne con contorno e una bevanda spendevo meno di 15€. Nei supermercati il cibo è conveniente – avevo portato dall’Italia qualche pacchetto di pasta e di cereali, ma ho scoperto che nei market dell’isola i prezzi sono più che abbordabili, anche per quanto riguarda i prodotti italiani. I parcheggi sono sempre gratuiti, così come l’accesso alle spiagge, fatta eccezione per le sei spiagge che costituisco il Monumento Nacional de los Ajaches, il cui biglietto d’ingresso costa 3€ per macchina.

Restaurante Típico Canario a Playa Blanca, un buon ristorante dove sono andata spesso per la sua buona carne. Vi consiglio l’entrecôte con la salsa di porcini o le costolette di agnello

Ristorante Playa Blanca

Nei prossimi giorni troverete nuovi posts dedicati a Lanzarote, intanto mi auguro che questa breve guida di viaggio vi sia utile per organizzare al meglio una vacanza in questa fantastica isola delle Canarie. Se avete ulteriori domande o dubbi non esistete a scrivermi… appena posso vi risponderò!

Buon inizio settimana a tutti!!

Valentina

9 thoughts on “Come organizzare una vacanza a Lanzarote

  • marzo 12, 2019, 9:54 am

    Quante notizie utilissime! Noi stavamo valutando Lanzarote per una breve vacanza ad inizio maggio e nel tuo posto ho trovato molte informazioni utili e dettagliate

    • marzo 12, 2019, 10:38 am

      Grazie Virginia, sono contenta che tu abbia trovato utile questo post 🙂 Lanzarote è proprio un’isola bellissima!

  • marzo 12, 2019, 5:32 pm

    Più di una volta ho prenotato per le Canarie varie isole ma poi non ho mai trovato le giuste combinazioni. Il dilemma è sempre stato quale isola scegliere , Lanzarote mi sta convincendo sempre di più grazie al tuo articolo

  • marzo 12, 2019, 6:50 pm

    Stavamo valutando di andare a Lanzarite già lo scorso anno, visto che riusciamo a viaggiare da ottobre ad aprile, periodo quasi perfetto secondo il tuo articolo. Non ti nego che sto facendo un pensierino per ottobre prossimo. Ovviamente il nostro sarà sempre un viaggio on the road ! Grazie delle dritte!

  • marzo 12, 2019, 7:33 pm

    Lanzarote è una di quelle destinazioni che non riesco a capire se potrebbero piacermi o no. Io adoro le città e anche se non mi dispiace immergermi nella natura di tanto in tanto non sono sicura di poter apprezzare un soggiorno là. D’altra parte dovrei andare di persona per scoprirlo…
    Peccato per la compagnia di noleggio Sixt, si sono rivelati davvero poco seri

  • marzo 12, 2019, 10:30 pm

    Voglio andare a Lanzarote da un po e i tuoi consigli mi sembrano utilissimi. Grazie:)

  • marzo 14, 2019, 5:50 am

    Torno alle Canarie a Maggio e sto pensando di prendere il traghetto per Lanzarote, per fare un paio di giorni lì e poi andare a La Graciosa.

  • marzo 14, 2019, 11:55 am

    Questa è una meta che tempo fa avrei scartato a priori, ma ora inizia ad incuriosirmi sempre di più… grazie per i tuoi preziosi consigli.

  • marzo 14, 2019, 4:45 pm

    Ho un amico che ogni anno a maggio parte per Lanzarote per partecipare ad un IRONMAN e ogni volta mi chiede di raggiungerlo. Non sono mai stata tentata perchè ho sempre pensato fosse meta di sportivi e di gente che non ha paura del vento. E invece tu mi hai fatto riconsiderare questa come meta adatta anche a me: sono molto curiosa ora di visitare i parchi naturali e di attraversare tutti i paesaggi che si incontrano su questa isola. Il tuo post è stato davvero utile. Grazie.

Lascia un commento