Vacanze alle Canarie

Vacanze alle Canarie

Le Isole Canarie

Buongiorno cari lettori, oggi voglio parlarvi delle vacanze alle Canarie, isole che per la loro variegata bellezza attirano ogni anno numerosi turisti proveniente principalmente dall’Europa. Questo ricco post è abbastanza differente dai classici articoli che siete abituati a leggere sul mio blog. Si tratta, infatti, di un post “corale” scritto a più mani. Ho chiesto l’aiuto ad un paio di travel bloggers italiane che hanno visitato alcune di queste isole e insieme abbiamo creato questa mini guida di viaggio su questo splendido arcipelago spagnolo nell’Oceano Atlantico.

Le Isole Canarie si trovano a nord ovest del continente africano ed essendo spagnole non occorre il passaporto per visitarle. Sono raggiungibili con diverse compagnie aree – Iberia, per esempio, con scalo a Madrid o a Barcellona, e Ryanair ed Easyjet che offrono voli diretti dall’Italia – e il viaggio dura poco più di quattro ore.

Isole Canarie dove sono

L’arcipelago delle Isole Canarie è composto da sette isole vulcaniche molto diverse fra loro: le più conosciute sono Tenerife, Gran Canaria, Fuerteventura e Lanzarote, ma vi sono anche le isole di La Palma, El Hierro e La Gomera. Ogni isola è dotata di un aeroporto (Tenerife ne ha addirittura due: uno a nord e uno a sud), ma ovviamente i voli più convenienti e anche i più frequenti si trovano su Tenerife, Gran Canaria e Lanzarote.

Mappa delle Isole Canarie presa dal web

Vacanza alle Isole Canarie

Per il loro clima mite 365 giorni l’anno, per la vicinanza con l’Europa e per i loro paesaggi così spettacolari, queste isole sono diventate meta perfetta per i turisti europei di differenti età: vengono, infatti, molto apprezzate sia dai giovani, che dalle famiglie con bambini che dai pensionati, che spesso raggiungono le Canarie in autunno e vi trascorrono i mesi invernali. Nonostante si tratti di isole parecchio ventose, le temperature, grazie agli influssi dei venti caldi, difficilmente scendono sotto i 15° C. In estate, invece, oscillano tra i 25 e i 30° C, ma non troverete di certo un caldo afoso come potreste trovare in Marocco, che si trova alla stessa latitudine di quest’arcipelago. Le Isole Canarie, infatti, sono molto ventilate tutto l’anno, persino in estate. Non esiste, dunque, un periodo ideale per visitarle: ogni stagione è perfetta!

Le coste frastagliate di Tenerife, inverno 2011-12

Vacanze alle Isole Canarie

Io sono stata alle Canarie un paio di volte. La mia prima vacanza è stata a Gran Canaria nel lontano novembre del 1994, quando avevo un anno e mezzo. Poi nel marzo del 1995 ho festeggiato i due anni a Tenerife, quando l’isola era in festa per il carnevale – pensate che dopo i festeggiamenti di Rio de Janeiro, il carnevale di Santa Cruz de Tenerife è considerato uno dei più vivaci e divertenti al mondo. Sono poi tornata a Tenerife, un’isola davvero incantevole anche se negli ultimi anni è diventata un po’ troppo turistica, nell’agosto del 2011 e vi confermo che i 28 – 30° C erano molto piacevoli e per niente fastidiosi. Affascinata da quest’isola, ci sono tornata per le vacanze natalizie del 2011-12, trascorrendo una decina di giorni a Playa de las Américas, la zona più “movimentata” e più conosciuta di Tenerife. Oggi, martedì 29 gennaio, sono di nuovo in partenza per le Canarie e questa volta visiterò un’isola in cui non sono mai stata: Lanzarote!!!!

Escursione in catamarano a Tenerife per avvistare le balene, inverno 2011-12

Vacanze alle Canarie: Tenerife

Prima di lasciare la parola a Giovy, a Federica, a Rocío e a Elisabetta, quattro travel bloggers molto in gamba, vi racconto brevemente la mia ultima vacanza a Tenerife, un’isola dove mi piacerebbe molto tornare.

Tenerife

Tenerife è l’isola più grande e anche la più turistica dell’arcipelago delle Canarie. L’origine del nome è molto curiosa ed è tutt’oggi oggetto di studi. Potrebbe derivare dall’unione delle parole tene (montagna) e ife (bianco), termini della lingua primitiva utilizzata dagli abitanti delle Canarie, i Guanches, sterminati dai conquistatori spagnoli nel corso del XV secolo, oppure dal nome di uno dei più celebri re guanches dell’isola: Tinerfe.

La capitale dell’isola è Santa Cruz, situata nella punta nord di Tenerife, ed insieme a Las Palmas, capitale dell’isola di Gran Canaria, è il capoluogo della comunità autonoma delle Isole Canarie. Il quotidiano britannico The Guardian nel 2012 ha inserito Santa Cruz de Tenerife nella top five delle miglior città al mondo in cui vivere. Nonostante questo grande centro urbano (nel 2016 erano stati registrati più di 200.000 abitanti) sia cresciuto a vista d’occhio in modo anche disordinato, Santa Cruz continua ad affascinare i visitatori offrendo musei, parchi, luoghi sacri e molti negozi e locali.

Dei dieci giorni trascorsi a Tenerife durante le vacanze natalizie del 2011-12, ho dedicato alla capitale solamente un giorno, passando i restanti giorni ad esplorare l’entroterra dell’isola e le sue meravigliose coste.

Ho alloggiato con la mia famiglia in un comodo appartamento del villaggio Parque Santiago, situato a pochi metri dalla spiaggia a Playa de las Américas, dove vi consiglio di pernottare. La parte meridionale dell’isola è sicuramente quella più interessante da un punto di vista turistico: vi sono, infatti, vari locali, ristoranti e spiagge attrezzate.

Dal balcone dell’appartamento a Playa de las Américas

Tenerife, Canarie, dove alloggiare

Oltre ad esplorare la costa meridionale a piedi e a fare alcune escursioni organizzate da un centro turistico di Playa de las Américas (come la gita in catamarano per avvistare le balene e l’eccitante esperienza del parapendio), abbiamo noleggiato un’auto per raggiungere il centro e il nord dell’isola.

Un bellissimo ristorante affacciato sull’Oceano a Playa de las Américas

Vacanza alle Canarie

Playa de las Américas

Vacanze alle Isole Canarie, dove andare

Nel porto di Playa de las Américas da dove siamo partiti con il catamarano

Isole Canarie, dove andare

A Tenerife è possibile avvistare i cetacei durante tutto l’anno

Vacanze alle Canarie

L’emozionante esperienza del parapendio (ovviamente ero con l’istruttore)

Vacanza alle Canarie, Tenerife

L’attrazione principale di Tenerife è il maestoso vulcano Teide, tutt’oggi attivo nonostante l’ultima grande eruzione risalga ai primi anni del ‘900. Nel 1954 è stato istituito il parco nazionale del Teide che risulta essere il parco più visitato in Europa e uno dei più visitati a livello mondiale (pensate che nel corso del 2016 si sono registrati più di 4 milioni di visitatori provenienti da ben 44 Paesi differenti). Nel 2007, questo vasto parco, grazie allo straordinario paesaggio che lo caratterizza, è diventato Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO. Nel corso dei secoli, l’attività vulcanica ha creato delle strane formazioni di basalto e un habitat unico nel suo genere dove si è sviluppata una vegetazione molto particolare.

Il meraviglioso e quasi extraterrestre paesaggio del parco nazionale del Teide

Teide, Tenerife

Vulcano Teide, Tenerife

La cima del Teide (3700 m) può essere raggiunta con il teleferico e il panorama che si gode dall’alto è semplicemente favoloso!

Vulcano Teide, Tenerife

La costa occidentale di Tenerife, dove prevalgono i miei colori preferiti: l’azzurro intenso del cielo, il verde della vegetazione e il marrone della terra e delle rocce

Tenerife, vacanza alle Canarie

Un isolato ristorante in riva all’Oceano scoperto per caso. Qui abbiamo mangiato una squisita paella

Tenerife, Isole Canarie

Dopo questa “infarinatura” sulle Isole Canarie, lascio la parola alle mie “ospiti”. Rimaniamo nella bella e variegata isola di Tenerife e leggiamo la descrizione quasi poetica preparata da Giovy del blog Emotion Recollected in Tranquillity.

La prima volta che vidi Tenerife dall’aereo, arrivando verso l’aeroporto Nord, la definii un luogo che trasudava preistoria, per i picchi delle sue rocce color ruggine e nero. Se Tenerife fosse un oggetto, sarebbe un puzzle fatto di colori. La sua costa nord è un mondo dove il verde delle piante, le tonalità accese dei fiori e il nero delle rocce vulcaniche la fanno da padrona. La sua costa sud è il regno dei colori ocra, per via di tutto quel ferro contenuto nei minerali che danno forma a quella terra a dir poco magnifica. Non basterebbe un’enciclopedia per raccontare questo luogo che fu conquistato dagli spagnoli poco prima della scoperta dell’America. Non basterebbero mille libri per parlare delle sue città patrimonio Unesco (Garachico e La Laguna in primis). Non ci sono abbastanza parole per parlare di “sua maestà” il Teide, come lo chiamo. Si tratta del vulcano più alto d’Europa e, ovviamente, della montagna più alta del Regno di Spagna. Il Teide è il vulcano con la più grande ombra proiettata dal sole. Non c’è ombra più grande della sua al mondo e con i suoi 3700 metri c’è da crederci. Tenerife è tutto questo: si può passare dalla spiaggia al trekking in alta quota in un giorno, ad una tavola dove il formaggio di capra regna a quella in cui il pesce trionfa alla grande. Possiede la capacità di regalare luoghi dove stare da soli o città da centinaia di migliaia di abitanti. Per me è la più “normale” delle Canarie, quella in cui trovi di tutto. Basta sapere cosa cercare.

La tranquilla località di Garachico, nella parte nord-occidentale di Tenerife

Tenerife, Garachico
Foto di Giovy

Il Parque Nacional del Teide

Parque Nacional del Teide
Foto di Giovy

Se siete curiosi di scoprire di più su quest’isola meravigliosa, non vi resta che dare un’occhiata ai numerosi posts scritti da Giovy sul suo blog cliccando qui.

La Gomera

La Gomera, una delle sette isole dell’arcipelago delle Canarie, si trova a poca distanza da Tenerife. Di questa isola verdeggiante ci parla sempre Giovy e se volete avere maggiori informazioni non vi resta che leggere il suo post La Gomera e la mia idea di Aliseo.

La Gomera è la vicina di casa di Tenerife e il luogo migliore dove osservare il Teide. Solo da lì lo si vede in tutta la sua grandezza ed è un’esperienza che consiglio altamente. La Gomera è un’isola molto più raccolta di Tenerife, raggiungibile proprio da quest’ultima con il traghetto o l’aliscafo. Se chiudo gli occhi e ripenso ai miei primi giorni a La Gomera rivedo mille sfumature di verde. Pur essendo l’ennesima isola vulcanica, La Gomera gode di maggiori piogge e questo la rende a dir poco rigogliosa. Si tratta di una delle isole sulle quali gli Alisei soffiano portando tanto di buono. Sa di tropico e sa di montagna… Non saprei come altro descriverla. La Gomera è l’isola di chi ama camminare, di chi ama la tranquillità e la Natura. Una delle cose più belle da fare su quell’isola è partire al mattino con gli scarponi ai piedi per poi finire la giornata con il costume addosso, facendo il bagno nell’oceano. Avete mai camminato in mezzo ai banani? La Gomera è il posto giusto per farlo. Anni e anni fa io lì vidi una balena. Ce ne sono parecchie, nella stagione giusta, tra La Gomera e Tenerife. Vale la pena di provare ad avvistarle e ammirarle nella loro maestosa eleganza.

Isole Canarie, La Gomera
Foto di Pixabay

Fuerteventura

Lasciamo La Gomera e ci spostiamo verso oriente per raggiungere la ventosa isola di Fuerteventura. Di quest’isola ci parla Elisabetta, un’instancabile viaggiatrice che ora si trova in Laos, curatrice del blog Free Soul On The Road.

Elisabetta nelle dune di Corralejo, nella parte nord dell’isola

Isole Canarie, Fuerteventura
Foto di Elisabetta

Dicono che a Fuerteventura ci siano alcune delle spiagge più belle delle Isole Canarie. In effetti la bellezza di alcune sue spiagge mi ha lasciata davvero senza fiato. Le sconfinate dune di sabbia del Parco Naturale di Corralejo sono un esempio di questa meraviglia. Nella parte sud occidentale dell’isola c’è invece Cofete, un luogo davvero unico. Qui una lunghissima lingua di sabia sembra perdersi all’orizzonte, incorniciata da alti pendii che scendono dolcemente verso il mare. Quest’isola dal fascino un po’ selvaggio è la meta perfetta per gli amanti degli sport acquatici. Essendo particolarmente ventosa, gli appassionati di windsurf e kite-surf ne andranno particolarmente matti. Per chi invece preferisce il surf allora la destinazione è El Cotillo, un tranquillo villaggio di pescatori nel nord dell’isola. 

Playa de Cofete

Comete, Fuerteventura, Isole Canarie
Foto di Elisabetta

Ma Fuerteventura non è solo mare e spiagge meravigliose. Il suo cuore è un gioiello tutto da esplorare. Bentacuria è uno di questi tesori nascosti. Si tratta di un piccolo paese circondato da campi coltivati e allevamenti di bestiame dove il tempo sembra essersi fermato. Il luogo perfetto per conoscere la tradizione dell’isola e assaporare i suoi piatti tipici. Chi ama i punti panoramici e adora scattare foto non può perdersi il Mirador di Morro Velosa, un osservatorio costruito in posizione strategica dal quale si può avere una visuale a quasi 360° dell’isola. Qui lo sguardo si perde tra i mille colori delle colline e dei campi, mentre sullo sfondo il blu del mare crea un contrasto perfetto, come in un bellissimo dipinto.

Il piccolo paese di Bentacuria, situato nell’entroterra di Fuerteventura

Isole Canarie
Foto di Elisabetta

Fuerteventura è un’isola affascinante che ti ammalia con la bellezza ed i colori della sua natura selvaggia. Cercavo una meta non troppo affollata e con il clima mite, che pur essendo un luogo turistico sapesse anche stupirmi per la bellezza del suo paesaggio. Posso dire che con Fuerteventura ho proprio fatto centro.

Dal belvedere di Morro Velosa

Fuerteventura, Vacanza alle Canarie
Foto di Elisabetta

Lanzarote  

Di Lanzarote, l’isola più settentrionale dell’arcipelago delle Canarie, ci parla prima Rocío, curatrice del blog Walking The Imaginary Line, che vive in questa meravigliosa isola ormai da anni, e la frizzante Federica, del blog Ti chiamo quando torno. Leggeremo, dunque, due opinioni diverse: la prima è quella di un’abitante dell’isola, che non vede più Lanzarote con gli occhi meravigliati da turista; la seconda, invece, è la “recensione” di una viaggiatrice, che è rimasta meravigliata dai paesaggi selvaggi che quest’isola offre.

Le impressioni di Rocío

Lanzarote ha i suoi pro e contro. Io ci vivo da quasi 4 anni insieme al mio compagno e l’amiamo e odiamo nello stesso tempo. Come dico sempre, viverci è molto diverso che venirci per una settimana da turista. Nonostante questo, sicuramente è l’isola che maggiormente preferiamo tra tutte le Isole Canarie. Piccola, tranquilla, assolutamente non pericolosa, e soprattutto molto graziosa. Se vi capita di dimenticare la macchina aperta, non vi preoccupate, la ritroverete intatta. Mi capitò di lasciare l’iPhone per tutta la notte sulla scrivania nella reception dell’hotel dove lavoriamo, la mattina dopo era ancora là ad aspettarmi.

Come già spiegai in vecchi post, la nostra scelta nei confronti di Lanzarote è stata razionale e quindi non dettata dal cuore. Di conseguenza, noi non la vediamo “bella”, ma al massimo carina. Vi chiederete allora perchè ci stiamo? Appunto per una logica razionale: è un posto non lontanissimo dall’Italia, con 25 gradi tutto l’anno, IVA al 7%, prezzo della vita (spesa, ristoranti, benzina) molto meno caro dell’Italia, ma soprattutto ci ha dato la possibilità di costruire un lavoro e una qualità di vita che non avremmo potuto trovare altrove. Ecco questi sono i famosi pro se ci penso, tutto il resto sono i contro.

Ad ogni modo per chi viene per una breve vacanza, sarà avvolto dall’atmosfera delle Canarie, tipicamente senza stress sotto al sole, leggermente ventilata. C’è sempre un pò di venticello che aiuta a fare surf dalle parti di Famara, mentre potrebbe essere fastidioso per chi non sopporta il vento. Meta di sole famiglie tutto l’anno, pensionati durante l’inverno: se pensate di andare in discoteca, non è meta per voi. Un altro pro che si sposa benissimo con il nostro stile di vita da pantofolai.

La Playa di Famara, nella parte nord-occidentale dell’isola
Playa Famara, Lanzarote
Foto di Rocío

I posti da non perdere sono soprattutto quelli nascosti e meno frequentati a nostro avviso. Poi ovviamente la famosa Playa Papagayo o il maestoso Timanfaya, sono dei must da inserire nel proprio itinerario, ma nello stesso tempo non dimenticatevi di andare a cercare le dune del Mojon Blanco, le piscine naturali de Los Charcones vicino a Playa Blanca e il piccolo villaggio di Tenesar, disperso sulla costa. Ho scritto molto su altre mete, vi invito, dunque, ad approfondire sul mio blog. Noi per primi dobbiamo ancora vedere molte cose di Lanzarote: ci sono paesi in cui non siamo neanche ancora passati e appena avremo occasione sicuramente lo faremo. E se ci venite, passate a trovarci… un piatto di pasta ai frutti di mare ve lo sappiamo cucinare e due parole con connazionali scaldano sempre il cuore.

Il parco nazionale del Timanfaya

Lanzarote, Vacanza alle Canarie
Foto di Rocío
Las salinas de Janubio, situate nella parte sud-occidentale dell’isola
Lanzarote, Isole Canarie
Foto di Rocío

Le impressioni di Federica

Per quanto mi aspettassi un’isola particolare, ero partita con l’idea di fare una vacanza relax, ma i paesaggi di Lanzarote mi hanno subito stregata e la voglia di scoprirla palmo a palmo ha preso il sopravvento! E così la vacanza relax si è inaspettatamente trasformata in un indimenticabile mini road trip! 

I paesaggi naturali sono il punto forte di Lanzarote: le rosee e luccicanti saline del Janubio, le spiagge nere, l’arido malpaìs vulcanico, le distese di cactus e aloe, le dune rosse del Timanfaya e i vitigni coperti di lapilli vulcanici de La Geria sono solo alcuni dei parchi e delle riserve naturali che la rendono unica.  

I vitigni di La Geria

Vacanze alle Canarie, Lanzarote
Foto di Federica

Nel mezzo di questi aridi paesaggi sorgono candidi villaggi di case bianche e squadrate su cui spiccano porte e persiane colorate di blu o di verde. Non perdetevi Teguise e Haria nell’entroterra, ma anche Orzola, Arrieta, Punta Mujeres o Famara sulla costa.

Le basse case bianche a El Golfo, nella parte occidentale dell’isola

Vacanza alle Canarie, Lanzarote
Foto di Federica

Punta Mujeres, nella zona nord-orientale dell’isola

Lanzarote, Punta Mujeres
Foto di Federica

Accanto a questa semplice architettura sorgono le eclettiche opere di Manrique edi Soto, due architetti e artisti che tanto hanno dato alla crescita dell’isola. Imperdibili una visita a Lagomar, alla casa e alla Fondazione di Cesar Manrique o al Museo del Campesino, e ancora a la Cueva de los Verdes, al Jardin de Jactus, al Jameos del Agua, al Timanfaya o al Mirador del Río in cui architettura e natura si fondono indissolubilmente.

La vista che si gode dal Mirador del Río

Mirador del Río, Lanzarote
Foto di Federica

Lanzarote saprà soddisfare anche chi desidera fare vita da mare grazie alle sue meravigliose spiagge che non sono tutte nere come molti credono! Playa de Famara, Playa del Caletón Blanco, Playa Blanca (la più turistica) e la famosa Playa de Papagayo sono solo alcuni esempi. Gli sportivi potranno invece dedicarsi agli sport acquatici (il vento costante che caratterizza l’isola la rende il paradiso di surfisti e kite-surfer), fare lunghe passeggiate sulle spiagge e trekking sui vulcani. Insomma, Lanzarote è un’isola splendida che saprà incantare ogni tipo di viaggiatore. Provatela!

Se siete interessati a saperne di più, vi consiglio di leggere i posts dettagliati di Federica cliccando qui.

Concludo questo lungo post ringraziando Giovy, Elisabetta, Rocío e Federica, delle brave travel bloggers che mi hanno aiutato a realizzare questa mini guida sulle vacanze alle Isole Canarie. Grazie ai loro racconti e alle loro foto sono evasa con la mente dalla fredda e grigia Modena e sono volata in questo arcipelago dell’Oceano Atlantico, le cui isole meritano sicuramente di essere visitate.

Ho preso nota dei consigli di Rocío e di Federica per quanto riguarda Lanzarote e non vedo l’ora di iniziare a scoprire quest’isola tanto selvaggia quanto affascinante. Tempo fa ho letto una frase anonima molto carina che trovo assolutamente veritiera: Ogni viaggio lo vivi tre volte: quando lo sogni, quando lo vivi e quando lo ricordi. Da tempo sogno Lanzarote e l’emozione dell’imminente partenza è sempre più grande. Fra poche ore decollerò dall’aeroporto di Milano Malpensa e inizierò la mia vacanza on the road per quest’isola. Potrete seguire le mie stories sul mio profilo Instagram e una volta tornata in Italia sicuramente troverete sul blog dei nuovi posts proprio su Lanzarote.

Vi auguro una buona settimana

Valentina

8 thoughts on “Vacanze alle Canarie

  • febbraio 1, 2019, 10:16 am

    Complimenti a tutte, bellissimo post corale che mi ha dato un’idea completa di tutte le Canarie. Il mio più grande desiderio è vedere Lanzarote, soprattutto, lo ammetto, perché ne ha scritto Houellebecq, che per me è un idolo indiscusso *_*

  • febbraio 1, 2019, 10:45 am

    Il tuo articolo mi spinge soltanto a fare una cosa: prenotare una vancaza alle Canarie! Che posti meravigliosi!
    Devo provare a convincere mio marito a farci un giretto!

  • febbraio 1, 2019, 12:36 pm

    Che foto spettacolari, mi tenti tantissimo. Come hai detto però, sono isole molto ventose e questa cosa mi frena molto, odio il vento forte, mi dà mal di testa… devo pensarci su!

  • febbraio 3, 2019, 9:54 pm

    Una meravigliosa panoramica! Non saprei quale isola scegliere.. mi affascinano le spiagge di Fuerteventura ma anche l’esplorazione delle altre isole non è da meno!

  • febbraio 4, 2019, 1:01 pm

    complimenti Valentina! Il tuo itinerario è davvero ricco di mete e posti interessanti da visitare! Le Canarie sono uno di quei posti che avrei sempre voluto visitare ma non è mai capitata l’occasione! Ci farò un pensierino. Intanto, mi segno i tuoi appunti!

  • febbraio 5, 2019, 1:26 pm

    Ciao Valentina!
    Innanzitutto voglio ringraziarti per avermi ospitata sul tuo blog e poi complimenti per l’articolo che dà una super panoramica su tutte le Canarie che sembrano davvero meravigliose! Io per ora ho esperienza solo di Lanzarote ma spero di poter presto tornare e vederle tutte!

  • febbraio 8, 2019, 12:52 pm

    Il meteo favorevole tutto l’anno rende le Canarie una meta fattibile praticamente sempre. Mi riprometto sempre di andarci e poi per un motivo o l’altro rimando. Prima o poi però ci riuscirò! 😉

  • febbraio 8, 2019, 3:34 pm

    Sono stata alcuni anni fa a Lanzarote ed ho una gran voglia di tornare: la ricordo come un’isola bellissima e selvaggia, dal clima primaverile anche in pieno gennaio e dal cielo mutevole come tutte le isole. Un post molto utile anche per conoscere le altre isole Canarie!

Lascia un commento