Alla scoperta della Spagna

Perché andare in Spagna

Sette buoni motivi per visitare la Spagna

Negli ultimi anni sono stata parecchie volte in Spagna e ogni volta, nonostante ormai conosca la maggior parte delle città spagnole, ritornare in questa terra è sempre una grandissima emozione.  In queste settimane con una certa nostalgia ho pensato molto alla Spagna e così ho deciso di andare a rivedere le tante foto scattate durante i miei viaggi e di selezionarne alcune per il blog. Nonostante sia un paese che conosca abbastanza bene, mi sono resa conto che non vi ho mai parlato dei motivi per cui ami tanto questa terra e così ho pensato di scrivere questo post in cui vi elenco i sette motivi per cui vi consiglio un viaggio in España!

Concordo pienamente con la famosa frase “un’immagine vale più di mille parole” per cui in questo post troverete tante foto e pochi racconti, ma credo, o almeno spero, che questi scatti vi invoglieranno a visitare la Spagna, una terra meravigliosa che non offre solo paella e sangría.

1. Le città

Eleganti, vivaci, antiche, moderne, eclettiche le città spagnole possono essere descritte con molteplici aggettivi. Parlarvi di loro in un paragrafo è alquanto difficile se non impossibile. Innanzitutto occorre ricordare che la Spagna è suddivisa in 17 comunità autonome ben diverse fra loro sia a livello fisico che a livello ideologico e culturale. Di conseguenza anche le città di questo paese presentano varie differenze l’una dall’altra. Le città andaluse, per esempio, conservano visibilmente i segni della dominazione araba – ricordo, infatti, che i musulmani invasero la penisola iberica all’inizio dell’VIII secolo e furono espulsi dai sovrani cattolici solo nel 1492 – mentre una città come Barcellona, tanto amata dai turisti per la vivacità che trasmette, rappresenta un perfetto esempio di modernismo catalano. La capitale, poi, è semplicemente elegante e raffinata, mentre Bilbao, una delle tre città della comunità autonoma dei Paesi Baschi, si presenta moderna e antica al tempo stesso. Tante città differenti, dunque, in un territorio tutto sommato poco vasto.

Madrid, una delle mie città preferite

Madrid, cosa vedere

Barcelona (Barcellona in italiano)

Alla scoperta della Spagna: Barcellona

Bilbao, Paesi Baschi

Alla scoperta della Spagna: Bilbao

Toledo, Castilla y La Mancha

Alla scoperta della Spagna: Toledo

Segovia, Castilla y León

Alla scoperta della Spagna: Segovia

Cuenca, Castilla y La Mancha

Alla scoperta della Spagna: Cuenca

Girona, Cataluña

Alla scoperta della Spagna: Girona

Sevilla (Siviglia in italiano), Andalucía

Alla scoperta di Siviglia

Córdoba (Cordova in italiano), Andalucía

Alla scoperta della Spagna: Córdoba

Granada, Andalucía

Alla scoperta di Granada

Málaga, Andalucía

Málaga, Andalusia

Ronda, Andalucía

Alla scoperta di Ronda

Nerja, Andalucía

Alla scoperta di Nerja

 Frigiliana, uno dei paesi bianchi più belli di tutta l’Andalusia

Alla scoperta di Frigiliana

Júzcar, il paese dei puffi, Andalucía

Júzcar, Andalusia

2. Il mare

Un altro motivo per cui vi consiglio di visitare la Spagna è per le sue bellissime spiagge, anche queste, come le città, molto diverse fra loro. In estate la Costa Brava, la Costa Blanca e la Costa del Sol, affacciate sul mar Mediterraneo, vengono invase da giovani in cerca di divertimento, da famiglie in cerca di svago e relax e da pensionati che prediligo il riposo e la quiete. Queste zone costiere, infatti, sono perfette per qualsiasi visitatore: offrono hotel, ristoranti e svaghi per tutte le età. Se le coste sud-orientali sono caratterizzate da lunghe distese di spiagge dalla sabbia dorata, il nord è decisamente diverso. Ricorda un po’ le coste frastagliate della Bretagna, ed essendo queste terre bagnate dall’Oceano Atlantico, l’acqua è alquanto fredda, per cui anche in estate è difficile poter fare il bagno. Per quanto riguarda le isole, invece, ricordo che la Spagna possiede ben due arcipelaghi: il primo, formato dalle Isole Canarie, si trova nell’Oceano Atlantico, mentre il secondo, costituito dalle Isole Baleari, nel Mar Mediterraneo. Due arcipelaghi, anch’essi, ben diversi fra loro, ma entrambi meravigliosi.

Spiaggia di Nerja, Andalusia

Le spiagge di Nerja

Spiaggia di Málaga, Andalusia

La spiaggia di Málaga

La lunga spiaggia di Blanes, Costa Brava

Costa Brava, Blanes

Ibiza, Isole Baleari

Mare di Ibiza

Spiaggia Es Arenals, Formentera, Isole Baleari

Mare di Formentera

Spiaggia Ses Illetes, Formentera, Isole Baleari

Ses Illetes, Formentera

Spiaggia di Getxo, Paesi Baschi

Costa Basca, Spagna

3. La natura

Se le città e le spiagge sono i motivi principali per cui scegliere la Spagna come prossima meta per le vacanze, non bisogna dimenticarsi che anche la sua variegata natura rappresenta un’altra ragione altrettanto significativa per organizzare un viaggio in questa terra tanto ricca e bella. La Spagna, infatti, vanta numerosi paesaggi naturali da cartolina. Dalle catene montuose dei Pirenei, che segnano il confine tra Spagna e Francia, al gruppo montuoso della Sierra Nevada, in Andalusia. Quasi impossibile a credersi, ma anche in Spagna ci si può concedere una vacanza sulla neve. La costa atlantica, caratterizzata da paesaggi verdi e ripide scogliere, è in netto contrasto con la costa meridionale, affacciata sia sul Mediterraneo che sull’Atlantico, dove prevalgono paesaggi brulli e aridi, che ricordano quasi un deserto.

La famosa isola di San Juan de Gaztelugatxe, Paesi Baschi

Costa Basca, cosa vedere

El Caminito del Rey, Andalucía

Caminito del Rey, Andalusia

Vista da El Teide, il vulcano che si trova sull’isola di Tenerife, Isole Canarie

El Teide, Tenerife

Formentera, Isole Baleari

Nel giardino botanico di Madrid, dove in primavera si celebra la fioritura dei tulipani

Giardini di madrid

Gita in montagna in Cataluña

Cataluña, cosa vedere

La Ciudad Encantada, si tratta di un parco naturale caratterizzato da numerosi massi dalle forme particolari e si trova nel cuore della Spagna tra Madrid e Valencia

La Ciudad Encantada, España

Montserrat, Cataluña

Visitare Montserrat

4. L’architettura

Quando visito paesi e città, sono solita soffermarmi ad osservare le strutture architettoniche di palazzi, musei e case. In Spagna ho trovato una piacevole diversità di edifici: alcuni moderni, quasi futuristici, altri tradizionali e classici. Amo fotografare le facciate delle abitazioni e studiare, seppur non abbia alle spalle una formazione da architetto, lo stile di ogni casa che mi colpisce. Mi sono innamorata dei palazzi eleganti che si trovano nel quartiere Salamanca, uno dei più signorili di tutta la capitale spagnola, così come ho apprezzato molto le basse case bianche con rifiniture colorate tipiche dell’Andalusia.

Il Museo Guggenheim di Bilbao

Museo di Bilbao

L’imponente Ragno fuori dal Museo Guggenheim di Bilbao

Bilbao, città moderna

Casa Batlló, Barcelona

Casa Battló, Barcellona

Edifici di Barcelona

La Rambla, Barcellona

Un elegante edificio di Madrid

Barrio de Salamanca, Madrid

Appartamenti nel quartiere Salamanca di Madrid

Case di Madrid

Il Palacio de Cristal (palazzo di cristallo) di Madrid, al cui interno spesso vengono organizzate esposizioni temporanee

Palacio de Cristal, Madrid

Le tipiche casa andaluse, questa in foto si trova a Córdoba

Case dell'Andalusia

Málaga

Case di Málaga, Andalusia

Cádiz (Cadice in italiano)

Case di Málaga

Las Setas de Sevilla (“i funghi di Siviglia”), la stravagante struttura del capoluogo andaluso inaugurata nel 2011

Setas di Siviglia

Camminando sui tetti de Las Setas de Sevilla e ammirando una vista a 360° sulla parte vecchia della città

Setas di Siviglia

Alla scoperta di Siviglia

Plaza de España a Sevilla, una delle piazze più belle del mondo

Plaza de España, Sevilla

Parlando di architettura non si possono tralasciare le imponenti cattedrali che si trovano sparse su tutto il territorio spagnolo. Dalla famosissima Sagrada Familia, simbolo indiscusso di Barcelona, alla particolare Mezquita di Córdoba, un’antica moschea convertita poi in cattedrale dai sovrani cattolici nel corso del XIII secolo.

La Cattedrale di Cuenca

Cattedrale di Cuenca, Spagna

L’interno della Cattedrale di Málaga

Cattedrale di Málaga

L’interno della Cattedrale de Nuestra Señora de la Almudena di Madrid, caratterizzata da un interno austero in netto contrasto con il soffitto dipinto con colori vivaci

Catedral de la Almudena di Madrid

L’interno della Mezquita di Córdoba costituito da 1300 colonne di marmo e da 365 archi bicolori

Mezquita di Córdoba

La cattedrale che si trova all’interno della Mezquita di Córdoba. Soffermatevi a notare il netto contrasto tra i tipici elementi architettonici musulmani e quelli cristiani

Mézquita di Córdoba

Esterno della Mezquita di Córdoba, dove si vedono chiaramente i segni della dominazione musulmana in Andalusia

Mezquita di Córdoba

Un altro edificio di culto degno di nota è la Sinagoga di Santa María La Blanca di Toledo che presenta alcuni elementi dello stile almohadi, un movimento religioso musulmano

Sinagoga di Toledo

Altre strutture architettoniche che sicuramente meritano di essere citate sono il famoso acquedotto romano di Segovia, la celebre Alhambra di Granada, l’Alcazar di Sevilla, l’Alcazar de los Reyes Cristianos di Córdoba e la Alcazaba di Málaga. Edifici che per la loro importanza storica e magnificenza sono diventati il simbolo indiscusso di queste città.

L’Acquedotto romano di Segovia

Ponte di Segovia

Vista sui giardini dalla torre dell’Alcazar de los Reyes Cristianos di Córdoba

Córdoba, cosa vedere

Vista sul centro storico di Málaga dall’Alcazaba

Alcazaba di Málaga

5. L’arte e la cultura

La Spagna vanta un ricchissimo patrimonio artistico-culturale. Non bisogna, infatti, dimenticare che ha dato i natali a famosissimi artisti quali Velázquez, Goya, Dalí, Gaudí, Picasso e molti altri. Un altro ottimo motivo, dunque, per recarsi in Spagna è per i suoi interessanti musei: dal famoso Museo del Prado di Madrid, uno dei miei preferiti, al grande Centro de Arte Reina Sofía, sempre nella capitale spagnola, in cui è esposto il celebre Guernica di Picasso.

Museo Sorolla, Madrid

Museo Sorolla, Madrid

Un murales per le vie del centro di Málaga

I murales di Málaga

Il grande patrimonio artistico-culturale spagnolo comprende ovviamente anche autori importanti di fama internazionale. Non si può non citare Miguel de Cervantes, l’autore dei meravigliosi personaggi Don Chisciotte e Sancho Panza, così come non bisogna dimenticarsi dei grandi poeti del Siglo de Oro, quali Lope de Vega e Góngora, e quelli più recenti della Generación del ’98 e della Generación del ’27. Senza dimenticare, poi, lo scrittore galiziano Camilo José Cela, premio Nobel per la letteratura nel 1989. Un ricco patrimonio letterario, dunque, che vi consiglio di scoprire leggendo alcune delle loro opere più significative.

I celebri Don Quijote e Sancho Panza cavalcando, il primo in groppa a un cavallo il secondo sul dorso di un asino, verso nuove avventure (dettaglio di una maiolica fotografata a Toledo)

Don Quijote y Sancho Panza

Se vi trovate a Madrid, vi consiglio di prendere il treno e di raggiungere in meno di mezz’ora Alcalá de Henares, la città natale di Miguel de Cervantes. Potrete visitare la casa-museo dell’autore delle divertenti avventure di Don Quijote de la Mancha

Alcalá de Henares, Madrid

6. La cucina

Appena si nomina la Spagna si pensa subito alla sua comida tipica: paella e tapas accompagnate da un buon vino. Senza dubbio, quindi, un altro valido motivo per visitare la Spagna è dato dai suoi ottimi prodotti culinari, come l’olio d’oliva, per esempio, considerato uno dei migliori, o il famoso prosciutto iberico, esportato in tutto il mondo.

La famosa paella. Dicono che a Valencia, città che ancora non ho visitato, si mangi la miglior paella in quanto è proprio in questa città affacciata sul mar Mediterraneo che questo famoso piatto della cucina spagnola è nato nel lontano 1500. Questa grande paella l’ho preparata insieme a un professore e ad alcuni studenti della scuola di Málaga in cui lavoravo come stagista

Paella, Spagna

I famosi pinchos dei Paesi Baschi. Sono stuzzichini simili alle classiche tapas spagnole

Pinchos, Paesi Baschi

Uno dei miei piatti preferiti: las croquetas (possono essere ripiene di paté di pollo, di prosciutto, di formaggio e persino di funghi)

Croquetas

Bruschette di Jamón Iberico e peperone verde (qui mi trovavo a una sagra che si festeggia a cavallo tra gennaio e febbraio a Córdoba)

Jamón Ibérico

Se vi trovate a Málaga, vi consiglio di concedervi una cena nel rinomato ristorante El Pimpi, in pieno centro storico, e di assaggiare uno dei tanti ottimi vini proposti

El Pimpi, Málaga

7. Il clima

Un altro buon motivo, e in questo caso l’ultimo, per partire per la Spagna è per il suo clima principalmente mite. Come in Italia anche in Spagna vi sono varie differenze climatiche, infatti la costa nord, affacciata sull’Oceano Atlantico, è caratterizzata da estati fresche e da inverni piovosi e freddi; il centro, compresa la capitale Madrid, presenta inverni molto freddi (più di una volta, infatti, il termometro è sceso a sotto zero anche durante il giorno) ed estati molto calde e torride; la costa orientale (Barcelona, Valencia, Murcia, Cartagena) presenta un clima mite tutto l’anno con estati non troppo afose e inverni non troppo freddi; la costa meridionale, quindi l’Andalusia, è caratterizzata da un clima africano: molto mite in inverno (mi trovavo a Sevilla un paio di anni fa nel mese di dicembre e c’erano 20°C) e da estati molto calde (più di una volta ho visto i termometri per le città di Sevilla e Córdoba, le più calde non essendo affacciate sul mare, segnare anche più di 45°C). Per quanto riguarda le isole, invece, le Canarie sono caratterizzate da un clima mite tutto l’anno, mentre le Baleari presentano estati calde, ma non troppo afose, e inverni miti, ma spesso piovosi.

Termometro per la città di Girona, Catalogna, luglio 2016

Caldo afoso in Spagna

Anche in Andalucía piove! Febbraio 2017

Málaga, Teatro Romano

Si conclude questo post ricco di immagini – spero tanto che vi abbiano invogliato a visitare questo paese meraviglioso. Non mi sono soffermata sull’allegria e sulla gentilezza degli spagnoli, ma sicuramente anche gli spagnoli stessi rappresentano un valido motivo per visitare la Spagna. Che siano madrileñi o andalusi o delle città del nord o catalani, ho sempre conosciuto persone dall’animo gentile, educate e solari.

Ormai sono passati un paio di mesi dal mio ultimo soggiorno in Spagna, così recentemente ho prenotato un viaggio! Si tratta di una meta in cui non sono mai stata, ma che da anni sogno di visitare… avete qualche idea?

Intanto vi auguro un buon inizio settimana!

Con tanto affetto,

Valentina

27 thoughts on “Alla scoperta della Spagna

  • dicembre 3, 2018, 10:37 am

    Della Spagna ho visitato solo Madrid, Barcellona e Valencia, oltre ad una toccata e fuga a Siviglia. E’ un Paese che mi affascina e vorrei scoprire sempre nuove parti… e poi adoro jamon, paella e croquetas!

    • dicembre 4, 2018, 2:24 pm

      La Spagna in generale affascina sempre tutti! Ti consiglio di fare un bel tour dell’Andalusia o di scoprire il nord… verde e fresco 🙂

  • dicembre 3, 2018, 1:33 pm

    La Spagna è unica nel suo genere, una terra davvero particolare! Io sono stata, e ho vissuto, in diverse città, ma mi manca l’Andalusia! Sogno di andarci da troppo tempo, e mi piacerebbe fare un bel viaggio on the road! 🙂

    • dicembre 4, 2018, 2:26 pm

      L’Andalusia, sarà perché ci ho vissuto, la adoro! Una terra meravigliosa anche se un po’ troppo calda in estate… ti consiglio di organizzare un bel tour casomai in primavera o in autunno, per evitare l’insopportabile caldo dei mesi estivi

  • dicembre 4, 2018, 7:12 am

    Condivido tutto, anche se il clima per me è al primo posto, viaggiando d’inverno. Siamo appena tornati da un giro on the road nella penisola iberica, e devo dire che è sempre una meravigliosa e continua scoperta.

    • dicembre 4, 2018, 2:26 pm

      Mi fa piacere Annalisa del tuo viaggio nella bellissima Penisola Iberica!! Sono luoghi meravigliosi!

  • dicembre 4, 2018, 1:21 pm

    Che voglia di tornare in Spagna mi hai fatto venire. Ti sei però persa la mia città preferita, Salamanca! Un’atmosfera pazzesca, nel bel mezzo della Meseta <3

    • dicembre 4, 2018, 2:28 pm

      Sono stata a Salamanca in giornata (alloggiavo a Madrid). La città mi è piaciuta molto, ma quel giorno di febbraio faceva freddissimo e appena arrivata la mattina a Salamanca ha nevicato. Ho visitato un po’ la città, soprattutto ho cercato sulla facciata dell’università la famosa rana, ma poi mi sono rinchiusa in un bar al caldo, degustando churros e cioccolata calda!

  • dicembre 4, 2018, 1:39 pm

    c’è sempre un buon motivo per visitare la Spagna! pensa, io ci sono stata 4 volte e ci tornerei ancora! vorrei proprio esplorarla bene, da cima a fondo! 🙂

    • dicembre 4, 2018, 2:28 pm

      Esatto Stefania, i motivi per andare in Spagna sono infiniti!!

  • dicembre 4, 2018, 4:29 pm

    La Spagna è veramente magnifica … e ora che ne ha fatto una carrellata generale … mi rendo conto che devo tornare a scoprire tutto quello che non ho ancora visto!
    Che terra spendida !!!

    • dicembre 4, 2018, 5:51 pm

      Già 🙂 la Spagna, seppur piccola, vanta moltissimi posti molti diversi fra loro! É tutta da scoprire!!

  • dicembre 4, 2018, 5:28 pm

    Il tuo post mi ha fatto tornare in mente luoghi della Spagna a cui non pensavo più da qualche tempo, e me ne ha fatti conoscere altri che non credevo così incredibili. Fotografie splendide, complimenti

    • dicembre 4, 2018, 5:52 pm

      Grazie mille Virginia, sono contenta che ti siano piaciute le foto!

  • Veronica
    dicembre 4, 2018, 9:50 pm

    Condivido anche io il tuo pensiero. Tornerei sempre in Spagna perché adoro le sue città, le sue spiagge e l’architettura presente in questo bellissimo paese. Ho già visitato Barcellona, Madrid, Valencia e come isola Maiorca.. vorrei continuare a scoprire ancora le sue bellezze!!

    • dicembre 5, 2018, 3:21 pm

      Fai bene Veronica, la Spagna è meravigliosa! Maiorca mi manca, ma vorrei tanto visitarla!

  • dicembre 5, 2018, 1:34 pm

    Io sono stata in Spagna credo 5 volte ormai ma solo e sempre a Malaga. Ho un debole per questa città e non sai che piacere vedere che era inserita in tante delle categorie di questo articolo. Con un paio di gite fuori porta ho visitato anche Granada, Siviglia e Cordoba ma come Malaga nessuno mi ha rapito mai…ancora!

    • dicembre 5, 2018, 3:24 pm

      Le città andaluse sono tutte meravigliose. Ognuno ha le sue preferite 😉 normalmente la gente preferisce Sevilla… io Córdoba, ma perché ho legato a questa città ricordi bellissimi (è stata la città del mio primo Erasmus).

  • dicembre 5, 2018, 8:41 pm

    Bella la Spagna! Hai indicato tanti motivi per amarla, accompagnati da esaurienti immagini, e sono d’accordo con tutto. Come sempre vince la varietá delle culture e, la bellezza che il loro incontro ha creato. In più ci sono tanti voli low cost che non guastano.

  • dicembre 6, 2018, 5:10 am

    La mia zona preferita, nelle Penisola, è il Nord: Paesi Baschi, Asturie e Galizia sono il top per me.

    • dicembre 6, 2018, 4:49 pm

      Solo quest’estate ho scoperto un po’ di nord (i Paesi Baschi) e me ne sono innamorata. Vorrei tanto visitare le altre comunità autonome, quali Galicia, Asturia e Cantabria!

  • claudia
    dicembre 7, 2018, 10:45 am

    Adoro la Spagna per i paesaggi, le città e il mare. Non dimentico però il fantastico cibo che si può gustare

    • dicembre 9, 2018, 9:17 am

      Già, la Spagna offre di tutto: dalle belle città al buon cibo!!

  • dicembre 7, 2018, 1:09 pm

    Purtroppo conosco pochissimo la Spagna perché sono stata solo a Barcellona in due occasioni, e brevemente a Cadiz e Siviglia. Il poco che ho visto è bastato a farmi capire che è un paese stupendo, e infatti non mi dispiacerebbe per niente la prossima volta vedere Bilbao e i Paesi Baschi, ma per il momento purtroppo i voli o hanno degli orari impossibili, o dei prezzi improponibili.
    E il cibo spagnolo! Per me quello è già un motivo più che valido per il viaggio 🙂

    • dicembre 9, 2018, 9:21 am

      Ti consiglio di esplorare la Spagna perché è un paese che merita sicuramente più di una visita! L’Andalusia è meravigliosa (ci sono vari voli low cost su Sevilla e su Málaga), mentre per il nord i prezzi sono un po’ più alti. Ti consiglio di volare su Madrid e poi di spostarti a nord o con un’auto a noleggio (fondamentale se vuoi esplorare i Paesi Baschi e le altre comunità del nord), oppure in aereo. Ci sono, infatti, voli a buon prezzo che collegano la capitale spagnola con le città del nord.

  • dicembre 11, 2018, 1:57 pm

    Non conosco tutti questi luoghi ma solo alcuni, certo è che meriterebbe davvero vederli tutti; concordo che ci sono ottimi motivi per tornare in Spagna in diversi viaggi, sono stata finora solo 4 volte

Lascia un commento