I miei posti preferiti

Il post di oggi sarà un po’ diverso rispetto a quelli precedenti. In questo articolo, infatti, vi presento una lista in cui elenco paesi, città, stati che ho visitato negli ultimi anni e che per vari motivi mi sono rimasti nel cuore. Chi mi conosce lo sa, viaggio spesso, sia per studio che per piacere. La maggior parte delle volte viaggio con la mia famiglia, con cui mi diverto molto nell’organizzare il viaggio (scegliere la meta, tracciare l’itinerario, prenotare hotel, etc.), qualche volta con gli amici e spesso anche da sola, soprattutto in quest’ultimo periodo in cui vado spesso in Spagna per delle ricerche per la tesi.

Attraverso questo post potrete conoscermi un po’ meglio, infatti non vi mostro soltanto i miei posti preferiti, ma vi “svelo” anche la mia lunga lista di viaggi che vorrei realizzare. Ho deciso di scrivere questo articolo qualche sera fa, mentre stavo riguardando alcune vecchie foto. Spesso mi si dice che nonostante i miei 24 anni ho visitato numerosi posti. Questo è grazie soprattutto ai miei genitori, a cui ho deciso di dedicare questo articolo ricco di foto. É proprio grazie al loro incoraggiamento e al loro appoggio che ho la possibilità di viaggiare, di studiare all’estero, di conoscere realtà e culture differenti e di imparare sempre qualcosa da ogni singola esperienza. I miei genitori, infatti, fin da piccola mi hanno trasmesso la passione per il viaggio e mi hanno supportato ogni volta che ho chiesto loro una vacanza-studio o un week-end low cost come regalo.

AUSTRALIA – estate 2011

Come regalo per i 18 i miei genitori mi hanno regalato un bimestre scolastico in Australia, precisamente a Melbourne, capitale dello stato del Victoria. Ho vissuto a Frankston, una piccola località distante una cinquantina di km dalla capitale, con una famiglia australiana e ho frequentato un college per due mesi dal lunedì al venerdì. Approfittavo dei weekend per esplorare Melbourne e i suoi dintorni sia con la mia host-family, che con i compagni di corso o con associazioni che organizzavano escursioni turistiche in giornata. Proprio con una di queste agenzie, la Go West Tours, ho percorso una delle più belle strade panoramiche al mondo, la Great Ocean Road.

I dodici apostoli (in realtà sono 8), sono faraglioni che costituiscono la principale attrazione turistica per chi percorre la Great Ocean Road

I dodici apostoli visti dall’elicottero; ho optato per un breve tour in elicottero (non incluso nel prezzo dell’escursione organizzata da Go West Tours) per ammirare dall’alto questi faraglioni. La vista era semplicemente meravigliosa!

Una domenica di luglio, sono andata con la mia host-family a Sorrento, una piccola località costiera a sud di Frankston, dove ho assaggiato lo squalo fritto. Dopo pranzo ricordo di aver passeggiato a lungo con il mio daddy lungo la spiaggia deserta e di aver scattato varie foto dall’alto di un colle.

Un’altra esperienza indimenticabile è stato visitare il Melbourne Zoo. Non solo ho visto i vari animali australi, quali l’echidna (una specie di porcospino con il muso allungato), l’ornitorinco, l’emú (simile a uno struzzo), il wombat (un grande roditore), e il koala, ma ho avuto anche la possibilità di dar da mangiare ai canguri.

L’Australia è molto grande, pensate che è il doppio dell’Europa. Occorrerebbero mesi per visitare i suoi 7 stati (per questo sulla bandiera le stelle sono 7). Sicuramente Melbourne, così come altre città quali Sydney, Brisbane e Perth rientrano nella mia Travel Wish List.

TORQUAY, INGHILTERRA – estate 2013

Nell’estate del 2013 sono partita per Torquay, una cittadina del Devon, contea inglese situata nella parte sud-ovest del paese. Anche qui come accomodation ho optato per una host-family, una simpatica famiglia inglese con due bambini di 6 e 10 anni. Il corso intensivo di inglese in una scuola per stranieri si svolgeva dal lunedì al venerdì sia di mattina che di pomeriggio, quindi approfittavo dei weekend per visitare i dintorni della città. Ho incluso Torquay nella lista dei miei posti preferiti non solo perché si tratta di una cittadina costiera molto curata e caratteristica, ma anche perché è una località perfetta in cui studiare inglese. Offre, infatti, sia a turisti che a studenti, soprattutto nei mesi estivi, vari eventi, quali escursioni – ricordo un bel tour notturno nella grotta di Kents -, serate nei pubs, numerosi ristoranti che propongono il famoso fish&chips, spettacoli teatrali e molto altro. Inoltre Torquay è la città natale della mia scrittrice preferita, la regina del giallo Agatha Christie.

Un pomeriggio di luglio ho visitato Greenhouse, la dimora della Christie, oggi museo.

ALSAZIA, FRANCIA – estate 2014

Nell’agosto del 2014 ho intrapreso con la mia famiglia un viaggio on the road nei Paesi Bassi. Prima di arrivare in Olanda, abbiamo passato un paio di giorni in Alsazia, una regione francese situata nella parte est del paese, che confina con la Germania. Abbiamo visitato il piccolo villaggio di Eguisheim, la cittadina di Colmar, soprannominata “la piccola Venezia”, e Strasburgo, sede del Parlamento europeo. Spesso, quando traccio un itinerario di viaggio, cerco di includere nel percorso qualche borgo o cittadina caratteristica, la cui visita, la maggior parte delle volte, risulta essere molto più interessante rispetto a quella delle caotiche città o capitali.

Passeggiando per il caratteristico borgo di Eguisheim. Le sue strade strette su cui si affacciano le tipiche case a traliccio mi hanno ricordato le ambientazioni delle fiabe. Passeggiare per questi vicoli trasporta il turista in un tempo indefinito e in uno spazio quasi magico. Lungo le strade della cittadina, poi, vi sono numerose botteghe di artigiani che riproduco animali antroporfizzati e personaggi fantastici, come fate e gnomi.

Colmar, “la piccola Venezia”. Ormai tutto il mondo imita la nostra Venezia e viaggiando per l’Europa mi sono accorta di quante città, per il solo fatto di essere attraversate da un fiume o da un canale, siano state associate alla Serenissima. Colmar è una di queste tante località che proprio per le sue abitazione che si affacciano su un canale stretto e basso è stata ribattezzata “piccola Venezia

Anche a Strasburgo, come a Colmar e a Eguisheim, il tempo sembra essersi fermato. La città, dichiarata patrimonio mondiale dell’Umanità, è attraversata dal fiume Ill ed è caratterizzata da strette vie lungo le quali si trovano piccoli ristoranti, panetterie e botteghe.

LAGO DI ANNENCY, FRANCIA – agosto 2015

Adoro i laghi. Forse perché ho trascorso la maggior parte delle mie vacanze estive da piccola al Lago di Garda con i nonni e ho un ricordo meraviglioso di quelle settimane trascorse a Bardolino e a Lazise. Il lago mi trasmette molta pace e serenità. Un bacino d’acqua apparentemente tranquillo, ma anche misterioso (ho letto vari romanzi in cui fra le acque di un lago si nascondono verità e tesori segreti). Nell’agosto del 2015 ho intrapreso un altro viaggio on the road con la mia famiglia, questa volta la meta era la parte francese della Svizzera, principalmente Ginevra e Losanna. Dopo un breve soggiorno a Chamonix-Mont-Blanc, una splendida località montuosa, nonché famosa stazione sciistica, abbiamo raggiunto il Lago di Annency, che si trova nella regione sudorientale francese dell’Alvernia-Rodano-Alpi. Purtroppo non ci ha accolto una bella giornata di sole come speravamo, ma nonostante la pioggia, passeggiare sul lungolago è stato piacevole e rilassante. Come Colmar, anche il paese di Annency, essendo attraversato da un piccolo canale, è stato associato a Venezia, per questo è conosciuto anche come “la petite Venice des Alps“, ossia la piccola Venezia delle Alpi.

PAESI BASSI – estate 2014

Ho visitato l’Olanda per la prima volta nell’estate del 2001 (all’epoca avevo solo 8 anni), e mi sono subito innamorata di questo paese. Nel 2003, i miei genitori hanno organizzato un altro tour dei Paesi Bassi. Con me e mia sorella piccole, mamma e papà hanno sempre optato per degli itinerari tutto sommato “leggeri”, adatti principalmente alle nostre esigenze. Ricordo che abbiamo visitato l’Olanda in miniatura, siamo entrati in un mulino per scoprire come si viveva nell’Ottocento, abbiamo trascorso una giornata in un parco acquatico e abbiamo noleggiato delle biciclette per girare la piccola isola di Texel. Nell’agosto del 2014, abbiamo organizzato un altro viaggio on the road nei Pesi Bassi. Oltre alla capitale, soprannominata la Venezia del nord, abbiamo visitato varie città, tra cui Gouda, nella cui piazza principale, Markt, ogni giovedì, in estate, si svolge il tradizionale mercato del formaggio. Abbiamo trascorso un pomeriggio visitando la località di Kinderdijk, distante pochi km da Rotterdam, dove si trova la lunga serie di mulini a vento. Abbiamo, poi, passato un’intera giornata a Giethoorn, un piccolo villaggio nel nord del paese, dove eleganti villette si affacciano sugli stretti canali. Ed infine ci siamo rilassati sulle ventose spiagge del paese.

Il mercato del formaggio a Gouda

Kinderdijk: il nome di questa località, la diga dei bambini, deriva da una leggenda. A causa di una forte alluvione che colpì il paese nel 1420, una culla con un bambino e un gatto fu trovata sulla diga.

Il particolare paese di Giethoorn, dove non vi sono né strade né macchine, ma soltanto biciclette e barche

Scheveningen, famosa località balneare situata nella parta sudovest del paese

EMIRATI ARABI UNITI & OMAN– febbraio 2014

Nel febbraio 2014 sono partita insieme alla mia famiglia per Dubai. Qui ci siamo imbarcati su una nave da crociera – sia a me che alla mia famiglia piace molto questo tipo di vacanza – e abbiamo visitato due stati in cui mi piacerebbe molto ritornare: gli Emirati Arabi Uniti e l’Oman. Se da un lato il primo si presenta come un paese quasi futuristico, dove si trovano numerosi hotel di lusso, il Burj Khalifa, ossia il grattacielo più alto del mondo e persino un centro commerciale che ospita una stazione sciistica, l’Oman risulta un paese ancora legato al passato. Nella capitale, Muscat, al posto dei grattacieli, si trovano bassi edifici austeri.

Dentro la Gran Moschea dello Sceicco Zayed di Abu Dhabi. Gli imponenti lampadari sono realizzati con cristalli Swarovski

Escursione in 4×4 per i canyon dell’Oman, un paese che offre paesaggi meravigliosi

MAROCCO – dicembre 2014 e aprile 2017

Il Marocco è un paese che ho visitato varie volte sia con la mia famiglia che in compagnia di alcuni amici conosciuti in Erasmus in Spagna. Nel dicembre 2014 ho visitato principalmente l’entroterra. Questa primavera, invece, ho esplorato la parte nord del paese, altrettanto bella e suggestiva.

Alba nel deserto del Merzouga: non dimenticherò mai la notte passata in tenda nel deserto e l’aver visto l’alba da una duna

Nella piazza principale di Meknès: alle mie spalle l’imponente porta della città

Passeggiando nel famoso paese azzurro: Chefchaouen

ISRAELE – estate 2012

Come vacanza estiva per l’estate 2012 io e la mia famiglia abbiamo deciso una crociera per il Mediterraneo orientale. Dopo qualche tappa in Grecia e in Turchia, abbiamo raggiunto l’Israele. Con un’escursione organizzata abbiamo visitato Gerusalemme, la capitale, e l’antica fortezza di Masada. Infine, ci siamo rilassati sulla spiaggia del famoso Mar Morto. Di questi interessanti posti visitati ricordo soprattutto il caldo. Per questo vi consiglio di evitare l’estate, quando le temperature superano spesso i 40 gradi.

Visitando la fortezza di Masada, raggiungibile con una funivia

Bagno nel Mar Morto: in realtà si tratta di un lago con un alto tasso di salinità, che non permetta nessuna forma di vita. Ecco spiegato, dunque, il nome. Bagnarsi nelle sue acque è stata un’esperienza unica: si sta a galla senza muoversi!

ALGARVE, PORTOGALLO – primavera 2015 e primavera 2017

Il Portogallo è un paese che mi piacerebbe percorrere da nord a sud. Due anni fa e la scorsa primavera ho visitato la regione meridionale dell’Algarve, una terra che offre paesaggi suggestivi, spiagge sia di sabbia che di roccia, e note località turistiche. Vi lascio il link dell’articolo dedicato a questa regione che ho scritto qualche mese fa https://www.travellingwithvalentina.com/travel/algarve-portugal/

SPAGNA 

La Spagna è uno dei miei stati preferiti. Da quando ho iniziato a studiare spagnolo all’università 5 anni fa, mi sono innamorata di questo paese. La capitale Madrid offre numerosi musei – El Prado è il mio preferito – vasti parchi in cui rilassarsi, quartieri puliti e curati con edifici eleganti e ristoranti che propongono diversi tipi di comida (pasti). Ormai ho perso il conto di quante volte abbia visitato Madrid; ogni volta che sono in Spagna, infatti, cerco sempre di organizzare un weekend in capitale.

Nel Parque del Buen Retiro, il polmone verde della città, si trova il famoso Palacio de Cristal (palazzo di cristallo) che ospita spesso mostre temporanee. Quando mi trovo Madrid, cerco sempre di ritagliarmi un paio d’ore per passeggiare in questo grande parco. Oltre al palazzo, che mi ricorda la dimora della fata turchina di Pinocchio, nel parco si trovano il palazzo di Velázquez, un laghetto spesso affollato da piccole barche, varie fontane, monumenti – il più imponente è quello dedicato al re Alfonso XII – e un giardino un po’ appartato chiamato il bosco degli scomparsi, dedicato alle vittime dell’attento di Atocha del marzo 2004

Ho visitato quasi tutta la Spagna: le città del nord quali Bilbao, Valladolid e Salamanca, la parte catalana – mi è piaciuta molto Girona – , il centro del paese – bellissima la città di Toledo -, alcune delle isole Canarie – perfette in qualsiasi periodo dell’anno – e il sud, a cui sono particolarmente legata. Nel settembre 2014 ho iniziato il mio Erasmus studio a Córdoba, dove ho vissuto per quasi un anno. La città, non troppo grande, possiede un grande patrimonio storico-culturale. I principali punti turistici, infatti, quali la mezquita, il ponte romano, l’alcazar de los Reyes Cristianos e il quartiere ebraico (barrio judío) sono la testimonianza delle differenti religioni e culture che hanno vissuto e anche convissuto a Córdoba nei secoli passati.

Il ponte romano che attraversa il fiume Guadalquivir e la mezquita di Córdoba

Un’altra città della Spagna meridionale a cui sono particolarmente affezionata è Málaga. Ho visitato per la prima volta questa grande città affacciata sul mare nell’estate del 2011, mentre stavo facendo una crociera con la mia famiglia per il Mediterraneo occidentale. Nell’inverno del 2014 ho frequentato un corso di spagnolo in una scuola della città, dove sono ritornata poi nella primavera del 2016. La prima volta ho vissuto con una famiglia ospitante, la seconda, invece, ho scelto un appartamento condiviso con altri studenti della scuola. In entrambe le tipologie di alloggio mi sono trovata molto bene, infatti ho avuto la possibilità di stringere amicizie, sia con i figli dei genitori ospitanti che con i ragazzi dell’appartamento, e di migliorare sia l’inglese che lo spagnolo. Nel febbraio 2017 sono partita di nuovo per Málaga, dove ho svolto il mio Erasmus stage per 3 mesi. Sono tornata molto volentieri in questa città, che ormai considero una seconda casa. Come a Cordoba, anche a Málaga vi sono costruzioni che testimoniano il passaggio di culture e religioni differenti: un esempio sono il teatro romano, l’Alcazaba (una fortezza araba) e la Cattedrale.

Vista dal castillo di Gibralfaro, da cui si ammira plaza de toros dall’alto e il porto in lontananza

Durante i miei soggiorni in Andalusia, ho visitato due volte l’Alhambra di Granada, un grande complesso arabo suddiviso in varie parti. La città rientra nella lista dei miei posti preferiti soprattutto per l’atmosfera che si respira passeggiando per le sue vie strette che ricordano quelle affollate dei mercati arabi. Spero di tornare presto a Granada e di visitarla con i miei genitori e mia sorella, che purtroppo non hanno ancora avuto occasione di vederla. Un consiglio: se avete intenzione di visitare l’Alhambra, ricordate di prenotare per tempo i biglietti d’ingresso!

Vista sul quartiere bianco di Granada dall’Alhambra

Tra le varie città dell’Andalusia non potevo non includere in questa lista il capoluogo, Sevilla (in italiano Siviglia), che è stata scelta dalla nota guida di viaggi Lonely Planet come la miglior città da visitare nel 2018. Il capoluogo andaluso, infatti, proprio per essere stato in grado di valorizzare i suoi edifici barocchi, il centro storico, il cui accesso è consentito solo ai tram, e le costruzioni arabe, come per esempio la famosa Giralda, antico minareto della moschea di Sevilla, oggi torre campanaria della Cattedrale della città, occupa il primo posto nella top 10 delle città da visitare il prossimo anno.

Un altro luogo turistico che merita sicuramente una visita è il recente Metropol Parasol: una grande struttura architettonica su cui è possibile passeggiare per ammirare dall’alto la città

USA – estate 2013 e inverno 2015

Un viaggio negli USA è sempre stato un grande sogno per me e mia sorella, così nell’estate del 2013 i nostri genitori ci hanno regalato un viaggio on the road nella parte orientale degli Stati Uniti. Siamo partiti tutti e 4 e abbiamo iniziato il nostro tour di due settimane da Boston, capoluogo dello stato del Massachusetts. Mi piacerebbe molto visitare con più calma questa città, soprattutto per poter fare l’escursione a Salem, una località poco distante da Boston divenuta famosa per il suo processo alle streghe alla fine del 1600. Abbiamo poi proseguito il nostro viaggio verso sud, arrivando a New York, dove siamo stati 5 giorni. Sembrano tanti, ma in realtà neanche una settimana è sufficiente per visitare la Grande Mela. New York è una di quelle città che se potessi, visiterei spesso. Il semplice passeggiare per le sue caotiche strade, rendersi conto di quanto siano alti i suoi grattacieli e fermare un taxi giallo stile Carrie Bradshaw di Sex and the City sono già di per sé esperienze che non si possono fare ovunque. Lasciata New York, abbiamo visitato Philadelphia, Baltimora e Washington, città che non mi hanno entusiasmata più di tanto. Ultime tappe del nostro viaggio sono state Lancaster, una tranquilla località dello stato della Pennsylvania, conosciuta e visitata da numerosi turisti per essere il luogo di residenza di una delle più grandi comunità Amish degli Stati Uniti; le Cascate del Niagara, viste sia dalla parte statunitense che da quella canadese; ed infine Toronto, una delle città canadesi più note.

La famosa, affollata e colorata Times Square, uno dei luoghi simbolo di New York

Una vista meravigliosa sulla città si può ammirare dal 102° piano dell’Empire State Building

Il 30 dicembre 2014 io e la mia famiglia siamo partiti di nuovo per gli Stati Uniti. Questa volta la meta è stata la Florida, uno stato di cui mi sono innamorata. Abbiamo iniziato il nostro viaggio, sempre on the road, da Orlando, trascorrendo l’ultimo dell’anno dentro il fantastico parco di Disney World. Il parco era pieno di gente, pensate che per ogni attrazione c’erano ben 120 o addirittura 180 minuti di fila. Nonostante la folla e le poche attrazioni fatte (massimo 5 al giorno), ci siamo divertiti molto: abbiamo visto alcuni spettacoli e varie parate di carri lungo la Main Street.

I miei due personaggi Disney preferiti: Minnie e Topolino

Abbiamo poi proseguito il nostro viaggio verso sud, visitando Cape Canaveral, dove si trova il Kennedy Space Center della Nasa; il Parco nazionale delle Everglades, una zona paludosa protetta in cui si possono vedere differenti tipi di flora e fauna; Key West, una delle isole più meridionali degli Stati Uniti; ed infine Miami, una splendida città affacciata sull’Oceano in cui si parla sia inglese che spagnolo.

Di questo viaggio per la Florida, l’escursione che più mi ha colpito è stata la gita alle Everglades. Amo molto la natura, quindi vedere da vicino coccodrilli, alligatori e caimani è stata un’esperienza indimenticabile.

Qualche foto di Miami, un’altra città che visiterei spesso

A bordo di una nave da crociera pronta per salpare dal porto di Miami. Il nostro viaggio in Florida si è concluso il 6 gennaio 2015. Quello stesso giorno abbiamo iniziato un altro viaggio, questa volta in crociera. Abbiamo, infatti, visitato alcune isole caraibiche meravigliose

Seven Miles beach, la bellissima spiaggia dell’isola Grand Cayman

Una deserta spiaggia di Grand Turk, principale isola dell’arcipelago di Turks and Caicos

Nel porto di Nassau, capitale delle Bahamas

Ultime tappe della nostra crociera sono state l’isola messicana di Cozumel e Roatán, isola dell’Honduras. Per quanto riguarda il Messico, abbiamo optato per un’escursione organizzata dalla nave che permetteva di visitare il famoso sito archeologico maya di Chichén Itza. Mentre per quanto riguarda Roatán, essendo piccola e con un’unica strada, abbiamo optato per il noleggio di un’auto, che ci ha permesso di percorrere l’isola da nord a sud in poche ore.

Dal porto di Roatán

Relitto nel porto di Roátan

In una spiaggia di Roatán, dove abbiamo trovato tante stelle marine. La crociera nel Mar dei Caraibi è durata 11 giorni e abbiamo sempre trovato bellissime giornate di sole. L’unico giorno in cui ha piovuto è stato quando abbiamo visitato questa isola onduregna. Nonostante la pioggia, per fortuna non tanto pesante, siamo riusciti comunque a rilassarci su alcune spiagge, dove la sabbia è bianca e l’acqua cristallina

Ciò che mi ha colpito molto di quest’isola è stata la gente. Avendo noleggiato la macchina, abbiamo avuto modo di visitare anche l’interno del paese, vedendo da vicino la gente autoctona, che vive principalmente in palafitte decadenti

Nel gennaio 2016, io e la mia famiglia siamo tornati ai Caraibi e sempre con una crociera abbiamo visitato le isole sud-orientali. Delle 7 isole la mia preferita è Antigua, dove ci sono ben 365 spiagge. Noi in un solo giorno ne abbiamo visitate 3

Con le foto di Antigua si conclude la lista dei miglior posti che ho visitato finora (dall’elenco ho escluso l’Italia, che credo meriterebbe una lista a sé per la varietà di paesaggi meravigliosi che offre).

A conclusione del post, ecco una breve lista dei posti che vorrei visitare in futuro. La lista vera e propria è molto lunga – mia mamma mi dice sempre che neanche due vite mi basterebbero per visitare tutto il mondo – infatti credo proprio che farei prima a stilare un elenco dei posti che non mi interessano.

My travel wish list:

  1. Islanda
  2. Ammirare il foliage nel New England (USA)
  3. Percorrere a bordo di un Volkswagen t2 la California, attraversare l’Oregon e raggiungere lo stato di Washington
  4. Normandia, Bretagna e Parigi: ho visitato il nord della Francia quando ero molto piccola, quindi mi piacerebbe rivisitarla
  5. Tailandia, Vietnam e Cambogia
  6. Giordania
  7. I grandi parchi del West (Nevada, Utah e Arizona)
  8. Crociera ai fiordi norvegesi
  9. I grandi laghi del Canada Occidentale
  10. Singapore

5 thoughts on “I miei posti preferiti

  • ilenia
    November 10, 2017, 3:12 pm

    Valeee che invidia!!!!!!! Che posti meravigliosi e complimenti per le foto mi hanno fatta sognare!!!!!!! Un bacio!!

    • valentina grossi
      November 11, 2017, 11:53 am

      Ciao Ilenia 🙂 grazie mille! Sono contenta che ti sia piaciuto il post! Anche tu viaggi tanto, scrivine uno anche tu 🙂 lo leggerò volentieri!

  • Maria Grazia Vinci
    November 11, 2017, 10:57 am

    Quanti bei posti! In alcuni ci sono stata, tipo Meknes e Chichen Itza, altri vorrei tanto vederli, come i dodici apostoli…

    • valentina grossi
      November 11, 2017, 11:54 am

      Grazie mille Maria Grazia 🙂 Ti auguro di visitarli perché sono davvero meravigliosi! Ci ho lasciato un pezzo di cuore

  • COLIN
    March 4, 2018, 3:10 pm

    Well I like what you said,As a junior i want some suggestion. Check my video.Thanks http://ceesty.com/wmofVm

    ceesty.com/wmofVm

Leave a Reply